Tradurre la letteratura: qualche curiosità

 Categoria: Traduzione letteraria

Oggi parliamo di qualche curiosità sulla traduzione letteraria . Non voglio essere pesante né importunare troppo con argomenti storici ma credo ci sono molti aspetti che non si conoscono e che valgano la pena di essere rispolverati di tanto in tanto. Per esempio, sapevate che un traduttore ha ha e ridotto Guerra e pace ? E i lettori inglesi di Murakami in discussione le traduzioni di questo scrittore giapponese? E sapevate che fare il traduttore può essere una professione rischiosa? No? Allora continua a leggere.

La traduzione come letteratura
Una delle parti migliori di I racconti di Canterbury di Chaucer è “Il racconto del cavaliere”, considerato l’apice della letteratura medievale inglese. Tuttavia, questo è un resoconto della Teseida di Boccaccio. Questo non vuol dire che il poeta inglese ha tradotto il poema italiano verso per verso. Infatti, solo un centinaio di versi del poema di Chaucer sono traduzioni approssimate di quello di Boccaccio, che conta attorno ai 10.000 versi. Ci sono altri 400 versi de “Il racconto del cavaliere” che conservano una certa similitudine verbale. La maggior parte del poema di Chaucer, di 2 250 versi, è originale. Ma non è finita qui. A sua volta, la Teseida di Boccaccio si basa, in modo similare, sulla Tabaida di Stazio.

Ci fu un’epoca in cui l’originalità in letteratura non era del tutto ben vista e gli scrittori basavano le loro storie su quelle già scritte in precedenza. Tutto cio per arrivare a dire Che l’ Abisso Che vediamo Tra scrittura e traduzione (CHE MOLTI considerano Come un Processo Più meccanico Che creativo) E Qualcosa di molto Più immaginario Che reale.
Ana Rosa Quintana quando si rilassa lo scandalo del “suo” romanzo Sabor a hiel , che contiene le opere di autrici conosciute dal grande pubblico come la nordamericana Danielle Steel e la messicana Angeles Mastretta. “Prima informata” e dopo un errore che ha fatto commettere l’errore.

Seconda parte di questo articolo>

Fonte: Articolo pubblicato il 10 ottobre 2012 sul blog En la luna de Babel

Traduzione a cura di:
Rocco Marco Misino
Traduttore ES-EN> IT
Foggia