Tradurre la letteratura: qualche curiosità (2)

 Categoria: Traduzione letteraria

<Prima parte di questo articolo

Sensibilità culturali
Tradurre letteratura non è diventata specializzata relazioni aziendali. Non è un buon modo per dire, ma per ogni testo e ogni traduzione sono differenti. Parlo del fatto che non si tratta di una questione di esattezza. I traduttori letterari devono tener presente la musicalità e il ritmo che viene scritto nella lingua d’arrivo. Devono anche scegliere il trasferimento culturale da una mentalità all’altra.
In ogni caso, ci si potrebbe dilungare troppo a proposito, vieni nel caso della traduzione inglese dei grandi nomi della letteratura russa.

Constance Garnett ha tradotto 70 grandi opere russe di spessore considerevole. Per realizzare tale compito, Garnett traduceva molto frettolosamente, saltava i passaggi più difficili e commetteva molti errori. Ma la cosa peggiore fu che introdusse una sensibilità vittoriana nelle opere di Tolstoy, Gogol e Dostoyevsky. Dovette trascorrere un secolo prima che Richard Pevear e Larissa Volokhonsky elaborassero delle versioni più autorevoli delle opere russe, già negli anni novanta.
Nell’ottobre del 2007, l’edizione di Guerra e pace del traduttore britannico Andrew Bloomfield riaprì il vaso di Pandora riavviando il dibattito. Egli ridusse il romanzo da 1267 a 886 pagine e gli diede un lieto fine. Il suo editore, Ecco, fu rapito dalla versione di Bloomfield e la difese affermando che fosse “la metà più corta e quattro volte più interessante… Più pace e meno guerra”.

Traduzioni da Nobel
“Incoraggio i traduttori dei miei libri a prendere tutte le licenze che ritengano necessarie. Questo non è il gesto eroico che potrebbe sembrare, perché ho imparato, lavorando da anni con i traduttori, che il romanzo originale è, in qualche modo, esso stesso una traduzione. Non è, certamente, tradotto in un’altra lingua ma è una traduzione delle immagini nella mente dell’autore in altre immagini che si possano riportare sulla carta.”
Come dice Michael Cunningham, autore di Le ore, in questa dichiarazione estratta da un’intervista del New York Times (2 ottobre 2010), gli scrittori traducono le loro immagini mentali in parole ei traduttori le traducono a loro volta e ottengono le loro proprie immagini. Ma il traduttore in questo processo non è un elemento aggiuntivo; è essenziale.
In realtà, Gregory Rabassa delle opere di Gabriel García Marquez è uno straordinario romanzo di essere preselezionato per il premio Nobel, che alla fine vinse.

Terza parte di questo articolo>

Fonte: Articolo pubblicato il 10 ottobre 2012 sul blog En la luna de Babel

Traduzione a cura di:
Rocco Marco Misino
Traduttore ES-EN> IT
Foggia