Consigli utili per traduttori letterari

 Categoria: Traduzione letteraria

Questa è la stagione dei premi letterari, quel periodo dell’anno in cui alcuni di noi ammirano, o invidiano, colleghi come Tess Lewis (vincitrice del PEN Translation Prize per la sua traduzione dal tedesco all’italiano di Angel Of Oblivion di Maja Haderlap) o Jessica Cohen (vincitrice del Man Booker International Prize per la traduzione dall’ebraico all’inglese di A Horse Walks Into a Bar di David Grossman). Molti di noi si sono innamorati della traduzione grazie alla traduzione letteraria. Per fare un esempio di quel fenomeno, combinato con l’arroganza adolescenziale, nel 1989 tradussi il poema Ofelia di Arthur Rimbaud e ne feci una rilettura, come progetto finale per il mio corso su Shakespeare… parlando di angoscia adolescenziale in grande stile. Mentre quella traduzione è finita allegramente in qualche discarica sconosciuta del New Jersey, molti di noi sognano ancora di tradurre libri – per portare alla luce i nostri autori preferiti nella nostra lingua di arrivo, o per una serie di altri motivi.

La traduzione letteraria è un settore tosto. Le stampe più note sono restie nel dare una possibilità ad autori sconosciuti o a traduttori inediti, la traduzione letteraria può diventare più un atto d’amore che un’attività redditizia, e riuscire ad ottenere un contratto è spesso molto meno semplice di quanto lo siano i progetti di traduzione. Eppure, è possibile; il primo vero libro tradotto di Sandra Smith, traduttrice dal francese all’inglese, è stato il grande successo Suite Francese, che ha vinto il premio PEN ed è stato selezionato come Libro dell’Anno dal Times londinese. Quindi cosa deve fare un traduttore letterario frustrato? Nell’articolo di domani troverete alcuni consigli! (ndr)

Seconda parte di questo articolo >

Fonte: Articolo scritto da Corinne McKay e pubblicato il 12 luglio 2017 sul suo blog Thoughts on Translation

Traduzione a cura di:
Roberta De Vita
Traduttrice freelance EN>IT, IT>EN
Laureanda presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
Moio della Civitella (SA)