Quali lingue contano su Internet (4)

 Categoria: Traduzione di siti web

< Terza parte di questo articolo

Dopo aver analizzato il mercato locale e le condizioni di ogni paese anglofono, è facile capire quali siano i vantaggi reali della traduzione di un sito web in inglese rispetto ad altre lingue.
Facciamo un esempio: una compagnia con sede in Gran Bretagna ha un sito web in inglese e in spagnolo e intende tradurlo in un’altra lingua. Grazie al T-index, l’azienda stabilisce rapidamente che conviene tradurre il sito web in cinese e in giapponese. Tuttavia, il mercato dei potenziali clienti di lingua cinese è alquanto complesso.

In primo luogo, il cinese con il sistema di scrittura semplificata è lingua ufficiale nei territori della Cina continentale e a Singapore, mentre il cinese con il sistema di scrittura tradizionale è lingua ufficiale a Taiwan, Hong Kong e Macao. Il cinese (scrittura semplificata), che ha un T-index più elevato rispetto al cinese (scrittura tradizionale), viene parlato in due paesi, mentre il giapponese soltanto in Giappone. Dopo aver analizzato le aziende dei mercati locali, appare evidente che la natura dei prodotti e la censura locale non permettono all’azienda di penetrare questo mercato e che è possibile accedere soltanto al mercato di Singapore. Tuttavia, l’azienda non ha problemi ad accedere al mercato giapponese. Per questo motivo, gli indici reali per queste lingue si presentano così: cinese con il sistema di scrittura semplificato a Singapore (0,13%) = 0,13%; e giapponese = 7%. Grazie al T-index, l’azienda comprende rapidamente che deve tradurre il proprio sito web in giapponese.

Una sola localizzazione non è sufficiente affinché gli utenti facciano acquisti sul sito web, soprattutto perché questi ultimi valutano altri fattori che esulano dalla presenza del sito web nella propria lingua madre. Quando non riescono a trovare le informazioni, la descrizione dei prodotti o dei servizi che soddisfano le loro esigenze o aspettative, numerosi utenti Internet in tutto il mondo visitano siti web in altre lingue.

E infine, come in qualsiasi altro studio statistico, non siamo in grado di garantire l’accuratezza dei dati raccolti. Tuttavia, l’azienda Translated continua a lavorare su questo studio, aggiornandolo e arricchendolo periodicamente. Il T-index è un nuovo strumento grazie al quale le aziende possono farsi rapidamente un’idea delle lingue che contano su Internet.
Con il passare del tempo, è possibile che nell’elenco delle lingue di destinazione per la traduzione di siti web compaiano nuove lingue e la posizione delle altre vari. E tutto questo si riflette sui risultati dello studio del T-index.

Fonte: Articolo di Aurore Claverie tratto dall’edizione online della rivista “Профессиональный перевод и управление информацией” – n° marzo 2011 – pp. 45-50

Aurore Claverie lavora come Project Manager presso Translated. È specializzata in commercio e marketing internazionale e ha coordinato l’elaborazione del T-index. A tal proposito, desidera ringraziare tutti gli specialisti del suo settore per averle inviato le proprie osservazioni, indispensabili ai fini di tale studio.

Traduzione dal russo a cura di:
Giancarlo Verardi
Traduttore freelance EN/ES/RU>IT
Lecce (Italia)