Quali lingue contano su Internet (3)

 Categoria: Traduzione di siti web

< Seconda parte di questo articolo

Occorre sottolineare che il nostro studio non copre tutti i paesi: abbiamo incluso, infatti, soltanto i paesi per i quali è stato possibile raccogliere dati sul numero di utenti Internet e sul PIL pro capite. I dati statistici che abbiamo utilizzato per calcolare il T-index sono stati acquisiti da fonti attendibili, tra cui l’Internet World Stats, il CIA Factbook, il Fondo Monetario Internazionale, l’organizzazione Reporter senza frontiere e la Banca Mondiale.

Tabella 3. Mappa della libertà di espressione su Internet

Restrizioni
Per affacciarsi con successo al mercato locale degli utenti Internet, in alcuni paesi non è sufficiente tradurre solo il contenuto di un sito web. Lo studio dei paesi illustrati nella tabella 1 ha prodotto dei dati che risultano difficili da analizzare senza comprendere le restrizioni locali nei confronti di Internet. Per la Cina e l’Iran è importante tener conto di questo aspetto, prima di includere questi paesi nel numero dei potenziali mercati.

Occorre ricordare che quando si traduce un sito web è necessario considerare anche altri fattori che esulano dalla quota assoluta di mercato dei parlanti di ogni lingua su Internet. Il mercato dei parlanti di una determinata lingua abbraccia uno o più paesi, ognuno dei quali si differenzia per le sue caratteristiche culturali.

Per esempio, la lingua inglese con un T-index del 35% garantisce il più alto potenziale d’acquisto su Internet. Eppure, prima di tradurre il proprio sito web in inglese, le aziende devono analizzare accuratamente i paesi in cui esso viene diffuso. Perché? Perché il T-index del 35% per la lingua inglese assicura il suo pieno potenziale solo se l’azienda ha pieno accesso a tutti i paesi anglofoni. Aprendosi nuovi mercati con l’ausilio della traduzione del proprio sito web, l’azienda deve tener conto di una moltitudine di fattori. Di seguito ne riportiamo soltanto alcuni:

• La domanda di prodotti e servizi dell’azienda nel mercato locale;
• L’adattamento dei prodotti e dei servizi tenendo conto delle esigenze tecnologiche, delle norme e delle preferenze locali;
• La concorrenza nel mercato locale;
• La reputazione del paese d’origine dell’azienda nel mercato di destinazione;
• Le abitudini dei consumatori locali;
• La censura di internet nel mercato locale;
• I metodi di pagamento online utilizzabili nel mercato di destinazione;
• L’ammontare delle spese di realizzazione e i requisiti di import/export dei prodotti.

Quarta parte di questo articolo >

Fonte: Articolo di Aurore Claverie tratto dall’edizione online della rivista “Профессиональный перевод и управление информацией” – n° marzo 2011 – pp. 45-50

Traduzione dal russo a cura di:
Giancarlo Verardi
Traduttore freelance EN/ES/RU>IT
Lecce (Italia)