Tradurre: passione o missione

 Categoria: Traduttori freelance

Già da ragazza per me le lingue erano una passione. Le lezioni a scuola passavano in un lampo, mentre quelle di matematica sembravano non finire mai… Tutti mi spronavano a proseguire su questa strada, il mio percorso futuro sembrava tracciato e mi sono iscritta alla scuola per traduttori e interpreti di Bruxelles, dove mi sono laureata nel 1996.
Inizialmente ho lavorato per un’agenzia di traduzioni, sempre a Bruxelles. Nel febbraio del 1999 mi sono trasferita a Milano, continuando lo stesso lavoro, solo questa volta come freelance.

Le aziende che hanno necessità di far tradurre un testo dall’Italiano quasi sempre si affidano ai servizi di un’agenzia di traduzioni. Prima di tutto, bisogna capire a chi è destinato il testo, a lettori nei Paesi Bassi o in Belgio. Anche se entrambi i popoli parlano la stessa lingua, il Neerlandese, ne esistono due varianti, l’Olandese parlato nei Paesi Bassi, e il Fiammingo parlato in Belgio. Ecco, è qui che entro in campo io, e avendo il fiammingo come lingua madre, non ho molta concorrenza in Italia.

La conoscenza di un Paese e delle sue usanze, caratteristiche e abitanti è fondamentale per poter tradurre bene un testo, anche se questa regola vale meno per, ad esempio, la traduzione di manuali tecnici. Anche se olandesi e fiamminghi spesso si “scontrano”, l’importante è trovare un punto d’incontro e riuscire a trasformare critiche in opportunità per fare meglio ancora in futuro.

L’italiano è forse la lingua più amata al mondo.E’ la lingua della cultura, dell’amore, della buona cucina, etc. Non è facile tradurre le mille sfumature e sensazioni che suscita, ma il traduttore saprà consegnare un prodotto finale che raccoglie tutto il significato del testo originale. Il lettore lo leggerà senza mai accorgersi che si tratti di una traduzione. Questo è lo scopo che ogni traduttore desidera raggiungere.

Autrice dell’articolo:
Valerie D’hondt
Traduttrice freelance
Milano