Si può insegnare a tradurre?

 Categoria: Traduttori freelance

In questo post, rifletterò su un argomento che ha suscitato un acceso dibattito tra i traduttori negli ultimi anni: Si può insegnare a tradurre? Le università e i corsi estivi insegnano davvero agli studenti ad essere dei validi traduttori?

Al centro della questione gioca un ruolo chiave la percezione che si ha della traduzione in quanto tale: si tratta di una scienza, di una capacità da sviluppare o di una forma d’arte innata?

Forse c’è qualcosa di vero in ognuna di queste percezioni. I diversi approcci alla traduzione si basano su principi invariabili, ci sono competenze e metodi che possiamo sviluppare per diventare traduttori migliori, ma alla fine i traduttori devono trovare dentro sé stessi le parole giuste e le soluzioni migliori.

“Il linguaggio è un processo di libera creazione; le sue leggi e i suoi principi sono fissi, ma il modo in cui i principi della generazione vengono usati è libero e infinitamente vario” (Noam Chomsky).Nonostante ci sia una strategia dietro una buona traduzione, e ai traduttori di successo serva un’attitudine specifica, quest’affermazione può valere per molte professioni.

I programmi di traduzione hanno i loro limiti. Non possono insegnare la scienza esatta per risolvere i problemi che si affronteranno come traduttore. Questi problemi sono spesso unici e ci possono essere molte strade percorribili. Tuttavia, possono aiutare a comprendere meglio gli approcci da seguire, a dare la possibilità di discutere le proprie traduzioni con esperti e ad insegnare a sfruttare, in quanto traduttore, la tecnologia disponibile.

Forse, ciò che conta di più, è che i corsi di traduzione si concentrano fortemente sulla qualità. Valutandone e discutendone gli aspetti, i corsi di traduzione aiutano a promuovere un elevato standard traduttivo e incoraggiano i traduttori a valorizzare il proprio lavoro.I programmi d’istruzione, al pari dei premi di traduzione, delle conferenze e delle linee guida aziendali, mirano ad alzare lo standard per le traduzioni di qualità e a diffondere la conoscenza di quell’abilità che si cela dietro le grandi traduzioni.

E dunque? I benefici che derivano dallo studio sulla traduzione ne superano i limiti? La traduzione è un talento innato o un’abilità che può essere sviluppata?

Fonte: Articolo scritto da David Garcia-Gonzalez e pubblicato sul blog di GoLocalise

Traduzione a cura di:
Federico Acierno
Traduttore e sottotitolatore
Roma