Scrivere il proprio cv da traduttore (2)

 Categoria: Traduttori freelance

< Prima parte di questo articolo

Siate coerenti. Se affermate nel vostro profilo che siete organizzati e che rispettate le scadenze, provatelo nella sezione delle vostre esperienze personali (“gestione di un progetto da un milione di parole realizzato in sei mesi”, “rispetto dei termini di consegna di 345 progetti”…).

Consigli utili:

  • prima di lanciarvi in questo progetto, fissatevi un obbiettivo: definite a chi è indirizzato il vostro CV (un cliente diretto, un’agenzia di traduzione o un reclutatore per un posto da interno?) e quello a cui aspirate (un lavoro sporadico o una collaborazione a lungo termine?). Le parole che scegliete, le esperienze che presentate cambieranno a seconda del vostro obbiettivo.
  • mettetevi al posto della persona che leggerà il vostro CV: fategli venire voglia di leggerlo e di chiamarvi immediatamente. Per fare ciò, scrivete immaginando che vi state rivolgendo ad una persona e adattate il vostro CV alle varie situazioni (natura della traduzione, tipo di cliente, qualità richieste, esperienze specificate nel annuncio, ecc.).
  • siate diretti e precisi: tenete a mente che il destinatario del vostro CV dedicherà solo 20 secondi (in media) alla lettura del vostro CV. Eliminate il superfluo (situazione sentimentale, numero di figli, età, percorso scolastico a partire dalla scuola primaria, tutti i lavori che avete fatto nella vostra vita o la vostra passione per lo yoga e la ceramica).
  • “vendetevi”: capite qual è il vostro punto forte e ciò che vi differenzia dagli altri. L’obbiettivo è quello di provare che voi avete le caratteristiche che cercano e l’esperienza necessaria per utilizzarle, che altri hanno fatto bene a collaborare con voi e che capite i bisogni del vostro interlocutore (il quale cerca generalmente delle persone disponibili, che rispettino le consegne e i termini prestabiliti).
  • prendete ispirazione: guardate i CV di altri professionisti sui vari siti di traduttori (ProZ, traducteur-enligne.fr, translatorscafe.com, ecc.) così da prendere spunto dalle loro idee e determinare ciò che è efficace (o no).
  • infine, anche se può sembrare un’ovvietà, state attenti allo stile che utilizzate e rileggete attentamente così da evitare errori o refusi

Fonte: Articolo scritto da Gaëlle Gagné e pubblicato il 12 febbraio 2012 sul sito di Trëma Tradutcions

Traduzione a cura di:
Claudia Ferrazzin