Perché amo fare il traduttore (2)

 Categoria: Traduttori freelance

< Prima parte di questo articolo

3. È sempre diverso
A differenza di alcuni lavori ripetitivi, se traduci puoi passare da un contratto di lavoro un giorno a cartelle cliniche il giorno dopo. Una brochure di marketing il lunedì e un rapporto finanziario il venerdì. E puoi scegliere in quale ambito tradurre. Se sei particolarmente interessato alla moda, alla finanza o al cibo, puoi scegliere di specializzarti in quell’area e concentrarti su un settore che ti piace davvero. Ogni volta che faccio una traduzione imparo qualcosa di nuovo dalla lettura e dalla ricerca di quell’argomento, o almeno qualche nuova parola o nuovo termine.

4. Lasci il tuo segno sul testo
Non importa cosa traduci, da quale lingua e in quale ambito, la tua traduzione sarà sempre unica! Non importa quanto banale e quotidiano sia un testo, due traduttori non potrebbero mai tradurlo allo stesso modo. Da come decidi di tradurre un certo termine, alla scelta delle parole, a tutte quelle piccole decisioni che prendi nella stesura di un testo, lasci la tua impronta personale sulla traduzione. A differenza dei traduttori letterari, noi spesso non prendiamo il merito per il nostro lavoro, ma penso che se mi imbattessi in uno dei miei testi da qualche parte, lo riconoscerei. Ognuno ha il proprio stile e può dare il suo piccolo tocco personale a ogni testo.

5. Trovo esaltante trasferire un messaggio da una lingua a un’altra
Hai presente quando accendi la tv e ti ritrovi un dramma svedese, un film cinese di kung-fu o un notiziario arabo? Senza la traduzione, non avresti la minima idea di cosa sta succedendo. Se possiamo goderci la tecnologia cinese, il cibo francese, i libri spagnoli, gli anime giapponesi, i giornali tedeschi, i programmi televisivi danesi e molto altro ancora, è grazie alla traduzione. Probabilmente ci imbattiamo quotidianamente in qualcosa di tradotto. E non ci pensiamo nemmeno, perché l’informazione e il messaggio sono stati convertiti nella nostra lingua in modo così impeccabile da permetterci di capire perfettamente e apprezzare qualcosa che sarebbe stato totalmente incomprensibile altrimenti. Ok, traduco principalmente cose molto meno divertenti: report, contratti, registri e così via. Ma in ogni caso, prima o poi qualcuno terrà in mano un documento che potrà leggere grazie a me. Da qualche parte, in futuro, qualcuno leggerà una pagina web che ho tradotto io, o forse comprerà addirittura un prodotto che contiene parole mie. Onestamente, è una gran figata.

Fonte: Articolo scritto da Alexa e pubblicato il 31 maggio 2015 sul proprio blog

Veronica Miotto
Traduttrice freelance
Padova