Il traduttore: tra alienazione e contatto

 Categoria: Traduttori freelance

Si è spesso parlato della solitudine dei traduttori, dell’isolamento di giornate trascorse davanti al PC a cercare di ri-dare un nome alle cose, di filtrarle dal contingente del paese di origine per osservarle nella loro essenzialità estatica e “senza patria”, per poi rivestirle di una nuova contingenza, quella di un altrove, di un “secondo dove”; il paese di destinazione appunto. Ancora più spesso si è sentito parlare nello specifico della solitudine dei rapporti lavorativi che il traduttore vive. Il traduttore fa sì parte di un tessuto sociale, ma sui generis, qui, infatti, gli attori non si danno il buongiorno, non si scambiano una stretta di mano e, in linea di massima, non conoscono nemmeno il volto che c’è dietro una mail, una chiamata, un PO o una fattura.

Oltre a ciò, temi logori e abusati sono di certo la precarietà di questo lavoro, la difficoltà di intrattenere collaborazioni costanti e proficue, la legislazione fantasma e il rischio di credersi afoni quando non è la voce di un altro a chiederci aiuto per liberarsi e raggiungere altri paesi.
Ma nondimeno, quello del traduttore resta un lavoro molto ambito.

Il come e il dove del tessuto sociale di cui il traduttore è parte comportano intrinsecamente l’isolamento; per questo i volti di colleghi, clienti, vendor manager, ecc. si negano nella quotidianità, ma tra i tanti volti negati, ne vediamo uno. È il volto più ricercato, ed è esattamente quello di cui noi traduttori siamo chiamati a consegnare il ritratto. È la musica di un libro, il volto di un film, la voce di un’intervista. È l’opera.
Ed ecco la nostra sfida: offrire un ritratto autentico, pur refrattario alla fedeltà assoluta. È la sfida di regalare un volto che sia proprio quel volto lì, ma che diventi pure qualcos’altro. Esattamente in questo passaggio il contatto vince l’alienazione, l’incontro autore-traduttore disperde le distanze virtuali. La mera traduzione diventa a sua volta creazione sui generis.

Da qui l’incanto di un lavoro che da una parte ci aliena (niente ufficio, nessun collega gomito a gomito, solo pause silenziose per noi!), ma dall’altra ci dà la possibilità di un contatto totale. “Totale” perché il contatto qui non è semplicemente auspicabile, ma è condizione stessa di esistenza della traduzione e del traduttore. Noi siamo a contatto con un’opera, la spogliamo fino a incontrarne l’essenza, preserviamo quest’essenza pur rivestendola di quello che siamo e che serve per donarla agli altri e in questo esistiamo sia con e per noi sia con e per gli altri.

Autrice dell’articolo:
Jessica Fanelli
Dott.ssa in Filosofia Estetica
Traduttrice Audiovisiva EN>IT
Italia