Il traduttore professionista

 Categoria: Traduttori freelance

Persino con gli strumenti altamente tecnologici e l’odierna facilità di informazione di cui disponiamo, restano diversi pregiudizi e molta confusione sulla figura del traduttore e la sua attività professionale.

Mi è capitato più volte di sentire: “Basta usare Google traduttore”, “C’è un collega che è stato sei mesi a Londra, se ne occupa lui” o il classico “Lo faccio tradurre a mio cugino che sa l’inglese”, avviando così una discussione infinita e senza via d’uscita sull’importanza della figura del traduttore e sul fatto che, senza nulla togliere al cugino, è necessario avere certe competenze per fornire un servizio di qualità.

Partiamo dalle basi. Quante volte dopo aver detto che facciamo i traduttori ci siamo sentiti dire: “Ah, bello! Quindi fai la simultanea?” e (a meno che non siamo anche interpreti) rispondiamo che no, non facciamo la simultanea perché in quanto traduttori ci occupiamo di testi scritti. In genere la domanda seguente è: “Quindi traduci libri?” e noi, che magari siamo traduttori legali, finanziari o tecnici, ci troviamo nuovamente a smentire le aspettative dei nostri interlocutori spiegando che non tutti i traduttori traducono letteratura; anzi, buona parte si occupa di documenti, articoli, pubblicità, comunicati stampa, schede prodotto, manuali, contratti e altri testi specialistici per cui sono richieste competenze molto diverse.

Ma di quali competenze parliamo? E qual è il valore aggiunto di avvalersi dei servizi di un traduttore professionista piuttosto che chiedere a quel collega che è stato sei mesi a Londra?

Certamente, la prima e fondamentale competenza è quella linguistica: per fare il traduttore bisogna conoscere alla perfezione almeno una lingua straniera, ma non basta. È necessario avere anche un’ottima padronanza della propria lingua madre (sembra scontato, ma non lo è) e soprattutto buone capacità di analisi del testo di partenza e di produzione scritta nella lingua di arrivo.

Seconda parte di questo articolo >

Articolo scritto da:
Francesca Cassina
Traduttore e Revisore EN/ES>IT
Milano