Il traduttore professionista (4)

 Categoria: Traduttori freelance

< Terza parte di questo articolo

La competenza specialistica di settore è uno dei motivi per cui molti traduttori tecnici possiedono un background diverso da quello linguistico e, avendo una padronanza pressoché perfetta di una o più lingue straniere, hanno deciso di dedicarsi alla traduzione con ottimi risultati proprio per via della conoscenza della materia.

Ciò che contraddistingue un traduttore professionista è quindi la formazione, sia essa in campo tecnico, seguita da anni di esperienza nel settore, o in ambito linguistico e traduttivo. In questo modo il traduttore è in grado di dotarsi di tutti le tecniche e gli strumenti necessari a garantire un servizio professionale e di qualità, apprendere capacità di analisi e di ricerca avanzate, prestare attenzione a ogni dettaglio e cogliere la minima sfumatura di ciascuna parola, avere la professionalità di lavorare unicamente verso la propria lingua madre per far sì che il testo tradotto sia reso in modo naturale nella lingua di arrivo.

I tanti pregiudizi sulla figura del traduttore costituiscono ancora un grosso problema per il riconoscimento della professione. Nonostante la situazione sia in via di miglioramento, in molti paesi europei (Italia compresa) il traduttore manca ancora di un riconoscimento ufficiale, di un albo e, di conseguenza, di un regolamento per l’accesso alla professione, motivo per cui potenzialmente chiunque potrebbe avviare un’attività come traduttore. Ad oggi, per sentirci tutelati come professionisti e poter dare prova della qualità del nostro servizio, possiamo aderire a una delle numerose associazioni professionali di traduttori e interpreti (come ad esempio AITI, ITI, CIOL, etc.), dotate di codici di condotta e best practice da seguire come linee guida e possono persino certificare i traduttori a seguito di una prova che ne attesti le capacità.

In quanto linguisti siamo i primi a elogiare la bellezza di imparare nuove lingue, una passione che apre molte porte e soprattutto la mente! Ma concordiamo sul fatto che per essere un buon traduttore è necessario dotarsi anche di competenze culturali, tecniche, specialistiche e professionali. La nostra figura sta acquisendo visibilità negli ultimi anni grazie agli sforzi di molti professionisti e di enti professionali che hanno portato e continuano a portare all’attenzione delle autorità competenti la necessità di una regolamentazione. Ci auguriamo che tale impegno venga ripagato al più presto e che venga colmata quanto prima la disinformazione in merito alla figura del traduttore, dando importanza all’empatia culturale e al lungo e impegnativo cammino di formazione intrapreso da chi ha deciso di dedicarsi alla meravigliosa professione del traduttore.

Articolo scritto da:
Francesca Cassina
Traduttore e Revisore EN/ES>IT
Milano