Il lavoro più bello del mondo

 Categoria: Traduttori freelance

Lo ricordo ancora, il primo giorno col lettore cinese all’Università:non una parola d’italiano, e l’esordio con āáǎ à,  ripetuto all’infinito. E noi, in bilico fra terrore e risatine incontenibili, ancora ignari che la ricerca della pronuncia perfetta ci avrebbe segnato per tutti gli anni a venire.

E’ stato un periodo meraviglioso. Una scoperta continua verso una lingua lontanissima, in tutti i sensi, musicale e tesa alla ricerca dell’equilibrio, ed intrinsecamente legata alla cultura del suo popolo; non sarebbe stato certo possibile arrivare ad una certa padronanza del cinese se all’approfondimento prettamente linguistico non si fosse accompagnato lo studio di arte, letteratura e filosofia.

Una scelta del tutto casuale (ho sempre amato le lingue straniere, ma anche lo sport, e mille altre cose, il che generò una fase schizofrenica nei mesi precedenti all’iscrizione in Università), che mi ha portato all’opzione per me quasi scontata di intraprendere la libera professione come interprete e traduttrice.

Il che, e gli addetti lo sanno bene, significa giornate vuote ad aspettare la chiamata di un cliente, alternate a settimane di nottate in bianco per riuscire a smaltire le traduzioni che immancabilmente arrivano tutte in una volta (lo so, che esiste un disegno contro la sanità mentale di noi traduttori); giorni e giorni di studio per prepararsi ad un’unica giornata di interpretariato sul sistema di trattamento delle acque reflue con biomasse algali, preceduti da sfibranti giorni di contrattazione col cliente, che non vuole mollare i suoi file perché tu possa prepararti (ma lo sai, no, il cinese??).

E ancora lo considero il lavoro più bello del mondo.

Nonostante l’incertezza economica, nonostante la diffusa mancanza di apprezzamento per la professione, nonostante tutto.. la soddisfazione per una traduzione ben fatta, per giornate di interpretariato che hanno costruito un ponte fra culture tanto diverse, è impagabile.

Autrice dell’articolo:
Cristina Franzoni
Interprete e traduttrice in lingua cinese
Ravenna