Il fine ultimo di una traduzione

 Categoria: Traduttori freelance

Prima ancora di sollevare la penna per scrivere, accendere il PC, aprire un dizionario, o semplicemente leggere il testo che intendiamo tradurre, la questione, quasi esistenziale, che un traduttore professionista si trova ad affrontare è cercare un modo per mantenere neutra la propria traduzione. Il concetto di neutralità è molto relativo in quanto si ricerca la chiarezza per il lettore della lingua di arrivo, ma allo stesso tempo si ha il timore di metterci troppo del proprio, magari tramite aggiunte o piccole omissioni.

Il fine ultimo rimane quello di avere un testo fluido, comprensibile e neutrale, quindi che esprima al meglio la naturalezza della lingua. I teorici hanno insistito molto sull’importanza sostanziale dell’opera dei traduttori, spesso relegati in secondo piano in una società che non apprezza il valore di un mestiere moderno che poi tanto moderno non è.

Il mestiere del traduttore è infatti un mestiere antico proprio come quello della scrittura. Alcuni dicono che il traduttore non abbia l’incubo della pagina bianca, ma in alcuni casi trova un abisso tra le due culture e ha il compito, se non la responsabilità, di colmare questo vuoto. Il pensiero di non tradurre per un determinato periodo che sia prolungato o meno dà al traduttore professionista un inevitabile senso di vuoto. Un vuoto che può essere colmato solo traducendo.

La traduzione è amore. La lettura è intrinseca di malizia, il testo seduce, il traduttore/lettore si fa trasportare da ogni singola parola. Il traduttore umano (perché il digitale non ha un cuore) ama e fa di tutto per restituire la seduzione del testo alla traduzione.

Il peccato più grande che un traduttore possa essere tentato a fare è quello di essere contaminato dall’eccessiva bellezza di ciò che traduce.
La metafora sull’amore è solo la punta dell’iceberg perché la traduzione non è fatta solo di amore, ma senza questo il grande processo di trasposizione non sarà lo stesso.

Occhio all’amore! Non bisogna avere “il prosciutto davanti agli occhi”: evitiamo di travisare il messaggio, discernere ciò che l’autore vuol lasciare nell’ombra o ritrovarci a fare una riscrittura piuttosto che una traduzione.

Quindi non perdiamo di vista i nostri obiettivi, lavoriamo sodo e con amore poiché il fine ultimo rimane quello di avere un testo fluido, comprensibile e neutrale, che esprima al meglio la naturalezza della lingua d’arrivo e che comprenda quel pizzico di amore che l’autore della lingua di partenza ha espresso nel suo testo.

Autrice dell’articolo:
Giovanna Lo Iacono
Traduttrice FR/ENG-ITA
Palermo (Italia)

Laureata  in Mediazione Linguistica, Traduzione e Interpretariato per le lingue Inglese e Francese con una tesi di traduzione dal francese al italiano di un testo sull’ Expression Primitive il trattamento della psicosi e della nevrosi dal titolo “Il primitivismo in danza”.