I sogni infranti di una traduttrice

 Categoria: Traduttori freelance

Sono una traduttrice. Forse lo sono da sempre, l’ho sempre saputo, ma mi è stato davvero difficile accettarlo. Quando ero piccola mi ritrovavo davanti alla tv a cantare tutte le canzoni straniere che sentivo nelle pubblicità; non sapevo cosa volessero dire quelle parole strane, ma uscivano dalla mia bocca in modo così naturale. Eppure io quest’attitudine non l’ho mai assecondata, anzi ho cercato in tutti i modi di soffocarla, di nasconderla. Forse l’ultima cosa che un buon traduttore dovrebbe dire la dirò io: le lingue mi spaventano, mi terrorizzano, ma allo stesso tempo fanno parte della mia vita e sto imparando a conviverci.

Non ho mai avuto un’ambizione smisurata, un grande sogno da perseguire : interprete alle Nazioni Unite, docente universitario, ecc. ecc. ma c’è qualcosa che mi ha sempre accompagnato nella mia vita, l’amore per la parola, in particolare la parola scritta; per questo motivo ho iniziato a leggere, leggere e leggere. Ho letto tantissimi libri e tanti ancora ne leggerò, in particolare i classici francesi, inglesi. Leggendo libri di autori stranieri ho iniziato a domandarmi se ci fossero delle differenze fra i testi che leggevo io e quelli in lingua originale; grazie ai miei studi linguistici ho potuto iniziare a leggere le versioni in lingua e di differenze ne ho trovate eccome! Allora è sorta spontanea la questione: chi sono questi individui che hanno il potere di leggere, interpretare e dare senso alle parole di altri nella propria lingua? Sono i traduttori!

Da quel momento è nata in me l’immagine del traduttore, anzi,della traduttrice: bella, colta, elegante, seduta ad una scrivania colma di dizionari, libri, penne, matite ed evidenziatori, magari anche con un gattone nero acciambellato lì vicino. Il passare degli anni, la fatica derivata dagli studi, le condizioni economico-culturali del nostro paese, la bella Italia, hanno parzialmente distrutto questa immagine idilliaca.

Terminata l’università, i giovani traduttori come me si affacciano al mondo del lavoro pieni di speranze e desiderosi di imparare, esercitarsi, fare esperienza, ma nella maggior parte dei casi ci si trova a dover stabilire: ore di lavoro, numeri di cartelle, prezzo di parole e più che professionisti ci si sente un po’ dei contabili. Però, finché la soddisfazione provata di fronte ad un’ottima traduzione sarà più grande di tutto questo…traduciamo!