Chi sono i traduttori

 Categoria: Traduttori freelance

Storia della traduzione
L’atto di interpretare e tradurre è antico tanto quanto la lingua. Col passare del tempo ciascuna lingua si è evoluta in modo differente e gli uomini hanno iniziato a sentire il bisogno di potersi affidare a persone che fossero in grado di comunicare in lingue diverse dalla propria, facendo da intermediari. Comprendere le lingue di altre comunità rendeva infatti possibile commerciare, ampliare le proprie conoscenze e, in alcuni casi, semplicemente sventare una guerra. Con l’evoluzione della razza il bisogno di poter comprendersi l’un l’altro si è fatto sempre più forte, poiché ciò significava poter condividere saperi e conoscenze e potersi aprire ad un commercio in continua crescita. Così è ancora oggi: un paese difficilmente sopravvivrebbe senza aver contatti con i paesi confinanti, e questi contatti richiedono obbligatoriamente l’uso di traduzioni.

Tipi di traduzione
Esistono diversi tipi di traduzione, a seconda del tipo di documento che deve essere tradotto. I testi possono essere di natura scientifica, tecnica, commerciale, letteraria, legale o educativa, o possono anche non appartenere ad una sola categoria. Per questo motivo, di norma un traduttore opera nei settori nei quali ha avuto modo di specializzarsi: ovviamente un traduttore letterario si sentirà più sicuro nel tradurre un romanzo piuttosto che un testo tecnico riguardante la scatola del cambio di una 4×4. Si tratta insomma di una professione che necessita di tipologie diverse di traduttore, ciascuna delle quali si occupa di un determinato settore. Generalmente le traduzioni vengono suddivise in due macrocategorie: letterarie e tecniche.

La carriera del traduttore
La decisione di un traduttore di specializzarsi in un determinato settore non è sempre preterintenzionale. A volte è semplice conseguenza dell’aver accettato, agli inizi della propria carriera, un tipo di incarico che si è poi tramutato in un rapporto lavorativo duraturo con una compagnia/gruppo di compagnie. Va detto anche che, parallelamente al fenomeno della globalizzazione, la traduzione si è sempre più professionalizzata e ovunque hanno iniziato a proliferare corsi specifici presso scuole e università.
La maggior parte di questi corsi si focalizza su un particolare aspetto della traduzione, tant’è che vi sono corsi di traduzione che si occupano di un’ampia gamma di argomenti: letteratura, doppiaggio, sottotitolaggio, business, o tematiche di natura commerciale, legale, scientifica, medica o tecnica. Solitamente questi corsi accettano le candidature di studenti che già possiedono una buona padronanza della lingua di partenza, poiché il fine non è insegnare le lingue, bensì aiutare gli studenti a servirsi di esse nel campo della traduzione. Durante questi corsi i futuri traduttori apprendono i fondamenti del mestiere: dalla stipulazione di un contratto fino ad arrivare alla consegna del prodotto finito. Impareranno inoltre ad utilizzare i diversi strumenti di cui dispone un traduttore: libri, dizionari e l’ormai “onnipotente” Internet.

Il futuro dei traduttori
Un traduttore si sentirà spesso domandare quale sia la sua utilità all’interno di una società che può contare su traduttori online. La risposta è abbastanza semplice: fintanto che il materiale verrà redatto da esseri umani, saranno i soli esseri umani a poterlo tradurre correttamente. Il computer è infatti una macchina programmata per rispondere a degli ordini caricati nella sua memoria e, di conseguenza, non è in grado di mettere in discussione i propri risultati né può capire quando una certa frase sia da intendere in senso letterale o ironico. Un computer può ottenere dei risultati pressoché decenti se utilizzato per tradurre un testo semplice, non letterario e non eccessivamente tecnico, e solo nel caso in cui la traduzione offerta dalla macchina venga utilizzata come semplice bozza per quella che diventerà poi la traduzione finale.

Le condizioni lavorative del traduttore
I traduttori possono essere suddivisi in due categorie:

  • traduttori in-house, che vengono assunti come dipendenti per una compagnia che vi si affida per le proprie esigenze aziendali.
  • traduttori freelance, la stragrande maggioranza, che lavorano a contratto direttamente da casa e non hanno un datore di lavoro specifico. I traduttori letterari lavorano con editori e case editrici, mentre i traduttori tecnici vengono assunti da agenzie di traduzione e collaborano con una rete di aziende.

Fonte: Articolo pubblicato su International Translators

Traduzione a cura di:
Urtone Laura
Laurea in Scienze Linguistiche, Letterarie e della Traduzione
Traduttrice freelance
Roma