Variazione e traduzione

 Categoria: Tecniche di traduzione

Quando mi chiedono che lingue ho studiato e quali traduco, rispondo, un po’ per convenzione e un po’ senza pensarci, francese e spagnolo. In verità, parlare di ‘spagnolo’ è una sorta di forzatura: se prendiamo in considerazione la vastità dei territori in cui si parla e la moltitudine di modalità che esistono, diventa riduttivo riunire tutti i parlanti ispanofoni sotto un’unica etichetta, ovvero quella di ‘spagnolo’.

Di recente mi è capitato di lavorare alla traduzione di un romanzo di uno scrittore argentino ed è stato inevitabile scontrarsi con l’affascinante realtà della variazione linguistica. Com’è noto nel campo della traduttologia, quando si incorre nella traduzione di un’opera letteraria è inevitabile non prendere in considerazione il testo in quanto prodotto di un autore e di un contesto, che diventano i perni essenziali su cui ruoterà l’intero lavoro di traduzione.

Nel mio caso, la scarsità di strumenti specifici di traduzione e l’alto livello di variazione, soprattutto lessicale, presente nel testo hanno fatto sì che la varietà argentina si presentasse in un primo momento come un ostacolo. Solo attraverso le risorse online, quali dizionari, blog e siti argentini, è stato possibile entrare a pieno nella traduzione e arrivare persino ad apprezzare la modalità argentina. Solo a quel punto, nel lessico e nella fraseologia, per non parlare dei fenomeni di variazione sintattica, come ad esempio il voseo o il leísmo, si scopre un’intera storia di interferenza e contatto tra culture che, ancora oggi rende la lingua viva e ‘inetichettabile’.

Solo una volta arrivati al termine del lungo percorso di traduzione, mi è stato possibile guardare il fenomeno di variazione da un’altra angolazione. In fondo, che cos’è la variazione se non un essere differenti? Cos’è la lingua se non un punto di unione tra culture ed esperienze? E così, la morfologia, la sintassi e il lessico diventano un mezzo per abbracciare la diversità e accoglierla poi in un nuovo fenomeno di variazione.