Un traditore invisibile

 Categoria: Tecniche di traduzione

Un noto detto italiano recita: “Traduttore, traditore”. È un detto che lascia sottintendere che questa subdola specie è geneticamente incapace di rimanere fedele al testo di partenza. Per molte persone, una buona traduzione è quella che non sembra affatto tale. In altre parole, il traduttore dovrebbe essere invisibile, limitando il proprio lavoro alla trasmissione del messaggio originale in uno stile scorrevole e naturale.

Questi luoghi comuni hanno suscitato le domande che mi hanno portata a scrivere questo articolo. Siamo davvero tutti traditori occulti che devono restare invisibili affinché il nostro lavoro sia minimamente accettabile? Perché le persone, di norma, prendono in considerazione queste credenze e che rilevanza hanno nella nostra professione?

Partiamo dal detto “Traduttore, traditore”. Le persone che sono in grado di leggere testi o guardare film in lingua originale quasi sempre si lamentano della qualità della traduzione di libri e sottotitoli. Chi di noi non ha mai sentito qualcuno brontolare durante una proiezione al cinema: “Hmm, non è esattamente ciò che ha detto quel personaggio: il traduttore è inutile”?

La maggior parte di coloro che fanno questo tipo di commenti sono ignari delle difficoltà inerenti alla traduzione audiovisiva. Oltre a doversi attenere ai dialoghi e avere una profonda conoscenza del Paese e della cultura in cui la storia è ambientata, il sottotitolatore è vincolato dalle scene. Dal momento che un sottotitolo non può rimanere a cavallo tra due scene, lo spettatore dev’essere in grado di poter leggere la traduzione del dialogo all’interno della scena stessa.

Senza dubbio, talvolta, il pubblico amatoriale ha ragione. Dopotutto, esistono traduzioni audiovisive pessime che si prestano a diventare candidate ideali per programmi di papere ed errori in TV, ma i traduttori audiovisivi, inclusi coloro che traducono programmi TV o più semplicemente video, seppure con qualche differenza, sono costretti a tagliare drasticamente i discorsi, limitando il contenuto dei sottotitoli alla trasmissione del concetto di base. Di conseguenza, la traduzione audiovisiva (sia che si tratti di doppiaggio o sottotitolaggio) si avvicina molto di più a un adattamento che a una trascrizione nella lingua di arrivo.

Dal momento che la maggior parte delle persone pensa che il processo traduttivo sia un semplice scambio di parole da una lingua all’altra, è normale che giungano all’orecchio del traduttore commenti che in sostanza sottovalutano il suo lavoro. Se fosse davvero così facile fare una traduzione i programmi informatici ci avrebbero rimpiazzati da tempo e la traduzione non sarebbe più un faticoso lavoro intellettuale, cosa che in realtà è.

Seconda parte di questo articolo >

Fonte: Articolo scritto da Claudia Moreira e pubblicato su Translation Directory

Traduzione a cura di:
Federica Veggiotti
Laurea in Lingue Straniere Moderne
Master in traduzione specializzata per adattamento dialoghi e sottotitolaggio