Un traditore invisibile (4)

 Categoria: Tecniche di traduzione

< Terza parte di questo articolo

Un traditore contestualizzato
Per fortuna, quest’idea a mano a mano sta venendo sostituita da un approccio relativista, in cui il pensiero viene considerato come linguisticamente costruito. Da questa prospettiva, i linguaggi rappresentano concetti invece di oggetti e questi concetti prendono forma nella mente dei parlanti indipendentemente dagli oggetti che essi rappresentano. In passato, gli accademici hanno dibattuto sul fatto se fosse possibile trasferire il significato da una lingua all’altra. Gli accademici di oggi, invece, hanno iniziato a chiedersi fin dove sia possibile trasferire un significato, fino a che punto i linguaggi sono formati dalla “natura umana” e fino a che punto sono plasmati dalla cultura.
Seguendo queste idee e tenendo in considerazione l’ambiente in cui si trova il traduttore, egli non appare più come “traditore”. Oggi ci rendiamo conto quanto veniamo influenzati dal momento storico, dalla cultura e dalla società in cui ci troviamo. Sappiamo anche che prima di tradurre un testo è necessario contestualizzarlo, identificare il periodo, il luogo e le circostanze in cui è stato scritto. Rosemary Arrojo descrive questo processo nel suo libro “Oficina de tradução” (“Laboratorio di traduzione”):

Il testo, così come il segno, smette di essere una rappresentazione “fedele” di un oggetto immutabile capace di esistere al di fuori dell’infinito labirinto del linguaggio, diventando una macchina di significati potenziali. Dunque, l’immagine prototipica del testo “originale” smette di assomigliare ad una sequenza di recipienti che trasportano un contenuto determinabile e completamente recuperabile. Invece di prendere in considerazione il testo, o il segno, come recipiente in cui il “contenuto” può essere depositato e tenuto sotto controllo, suggerisco che la sua immagine prototipica diventi quella di un palinsesto, parola che deriva dal greco palimpsestos (“strofinare una superficie per farla tornare liscia”) e che si riferiva ad un “materiale di scrittura antico, in particolare alla pergamena, che a causa della sua scarsità o del suo prezzo elevato, veniva usato due o tre volte [...] rimuovendo ogni volta il testo scritto in precedenza”.
Metaforicamente, nel nostro “laboratorio”, il “palinsesto” diventa il testo rimosso in ogni comunità culturale e in ogni epoca, in modo tale da lasciare il posto ad un nuovo scritto (o ad una nuova interpretazione, lettura o traduzione) dello “stesso” testo.
Considerati da questo punto di vista, i traduttori non sembrano più traditori, bensì persone responsabili dell’adattamento del testo originale al contesto sociale e storico attuale.

Il lavoro di traduzione sta finalmente ottenendo l’apprezzamento che merita. Le persone e le aziende richiedono lavori di qualità superiore, ma si rendono conto delle difficoltà coinvolte in questo processo. Ogni branca della traduzione (letteraria, legale, informatica, adattamento di film, programmi TV e video) ha le sue peculiarità, come ad esempio l’impiego di strumenti particolari, i limiti dettati da spazio e tempo, la traduzione di un testo originale scritto da un parlante non madrelingua e così via. Questi aspetti, associati ad una domanda sempre crescente data dalla globalizzazione, hanno messo in risalto le domande poste in precedenza e hanno dimostrato come in realtà la traduzione sia di fatto un processo molto complesso e specializzato.
Quindi, quando l’irritante cognato viene a trovarvi con il manuale d’istruzioni del suo ultimo apparecchio elettronico, dibattete riguardo alle questioni filosofiche che abbiamo preso in considerazione in questo articolo. E alla fine, preventivate il costo della vostra traduzione. Vi assicuro che rinuncerà molto presto.

Fonte: Articolo scritto da Claudia Moreira e pubblicato su Translation Directory

Traduzione a cura di:
Federica Veggiotti
Laurea in Lingue Straniere Moderne
Master in traduzione specializzata per adattamento dialoghi e sottotitolaggio