Il mio metodo di traduzione di un manga (4)

 Categoria: Tecniche di traduzione

< Seconda parte di questo articolo

Fase cinque: revisione (seconda stesura)
Trovo che mi sia di aiuto iniziare la revisione solo dopo aver preso una breve pausa dalla traduzione, almeno una notte di riposo, perché ho bisogno di far passare il mio cervello dalla modalità scrittura a quella revisione.
Revisione per me significa rileggere ogni pagina e focalizzarmi sulla parte giapponese della traduzione, soprattutto sui segmenti evidenziati in giallo, cioè quelli in cui ero in dubbio su cosa stesse accadendo esattamente.
Se in questa fase modifico un vocabolo, mi assicuro che venga fatto anche nel glossario.
Cerco di fare la revisione in 3-4 mezze giornate, dividendo il manga in altrettante parti.

Fase sei: correzione del testo tradotto (stesura finale)
Questa fase è completamente indipendente da quella della revisione, perché non guardo affatto la versione giapponese. Mi concentro esclusivamente sull’inglese.
Suona come qualcosa che direbbe un madrelingua inglese? Dà l’idea di qualcosa che direbbe il personaggio? Si adatta al balloon (oppure posso accorciarlo)? Cerco di leggere la traduzione inglese ad alta voce, ma ammetto che non lo faccio sempre (specialmente se sono di fretta). Se ho difficoltà con la correzione del testo tradotto, allora utilizzo la sintesi vocale di Word (anche se non mi piace molto quando è presente tanta formattazione; la utilizzo soprattutto con i romanzi).
Non prendendo in considerazione il testo source in giapponese, questa fase richiede meno tempo (1-2 mezze giornate).

Fase sette: consegna
Mi assicuro di selezionare il file corretto prima di allegarlo alla mail. A proposito, solitamente salvo un file a parte per ogni bozza e faccio il backup di tutte le bozze e di tutti i glossari per ogni eventualità. A questo punto dovrei inviare anche il glossario, ma ammetto di aver dimenticato di mandarlo più volte di quante avrei dovuto.
A seconda del cliente e del suo sistema, insieme alla traduzione invio anche la fattura oppure separatamente al suo ufficio contabilità.
Infine compilo il mio file Excel ricavi/costi con il numero di fattura, data invio, importo ecc.
E ora passiamo al prossimo progetto!

Fonte: Articolo scritto da Jennifer O’Donnell e pubblicato il 28 marzo 2020 sul sito J-En Translations

Traduzione a cura di:
Laura Locatelli
Traduttrice JAP, DE, EN > IT
Bergamo