Il difficile problema del tradurre

 Categoria: Tecniche di traduzione

Il lavoro del traduttore non è un’attività semplice. Come sostiene Eco “[…] ogni traduzione presenta margini di infedeltà rispetto ad un nucleo di presunta fedeltà, ma la decisione rispetto alla posizione del nucleo e l’ampiezza dei margini dipende dai fini che si pone il traduttore” (Eco, 2003: 15).
Non è semplice tradurre un testo senza che vi siano perdite o aggiunte inserite dall’autore del testo tradotto. Nel primo caso si tende ad omettere alcuni dettagli che per l’autore possono sembrare superflui; questo può provocare nel testo-meta la perdita di alcune informazioni presenti invece nel testo originale, producendo una traduzione che potrà divergere dall’originale.

Inoltre, per approfondire questo aspetto, si può affermare che questo processo può avvenire in un modo volontario (l’autore della traduzione fa delle specifiche scelte in maniera conscia), oppure può succedere che il traduttore compia questo tipo di azione in un modo totalmente involontario, non rendendosi conto però che il testo prodotto sarà differente rispetto a quello di partenza. Un altro caso che può produrre delle perdite nel testo-meta è la mancata conoscenza enciclopedica da parte dell’autore del testo tradotto o l’impossibilità di questi, di chiedere informazioni a colui che ha redatto l’opera originale (caso in cui si traduce per esempio un’ opera datata).

Nel secondo caso, analizzando il problema delle incorporazioni, si può a volte intravedere la volontà del traduttore di imporsi sulla figura dell’autore del testo stesso. Questa operazione può essere fatta in maniera volontaria oppure involontaria. Talvolta può capitare che il traduttore, inconsciamente, senta la necessità di sostituire la figura dell’autore dell’opera originale.

Questi aspetti ci portano a pensare che il traduttore possa essere visto come un Ponte, vale a dire come un mediatore tra diverse culture e lingue. Partendo da questa idea possiamo affermare che il traduttore  è, allo stesso tempo, sia un mediatore culturale che linguistico. In questa doppia veste questa figura professionale dovrà perciò poter contare sia su un’ ottima preparazione linguistica che su una vasta conoscenza culturale, in riferimento alle sue lingue di studio. Soffermandoci ancora sulla figura del traduttore come Ponte, possiamo sostenere che il compito di questa figura professionale è quello di confrontare due distinti codici o, per meglio dire, culture: emittente e ricevente.

A questo proposito Eco sostiene che “[...] una traduzione non riguarda solo il passaggio tra due lingue, ma tra due culture o enciclopedie. Un traduttore non deve solo tener conto di regole strettamente linguistiche, ma anche di elementi culturali, nel senso più alto del termine” (Eco, 2003: 162). In questa dicotomia si nota come, normalmente, nella cultura emittente il traduttore consta di una forte competenza passiva, vale a dire che ha appreso la  lingua, le strutture  e i suoi diversi registri e stili linguistici attraverso lo studio. Per quel che riguarda la cultura ricevente, possiamo dire che il traduttore conosce la lingua in quanto questa è la sua lingua nativa.