Memorie di traduzione: benedizione o maledizione?

 Categoria: Strumenti di traduzione

.

Sfide sempre più difficili nell’arena della traduzione
Con i concetti di globalizzazione e localizzazione che portano alle stelle la domanda di servizi di traduzione professionali, il profilo lavorativo e i compiti di un traduttore professionista diventano sempre più specializzati e legati a particolari tematiche. Per esempio, se consideriamo il campo della traduzione legale, che è solo uno dei tanti ambiti di cui si occupa la traduzione, questo si dirama in tantissime altre branche come il diritto civile, il diritto societario, il diritto privato, il diritto tributario, ecc. E non è tutto, l’ambito legale comprende anche un’enorme varietà di documenti come atti processuali, mandati di comparizione, denunce, procedimenti giudiziari, licenze, brevetti, certificati, contratti, contratti di locazione, accordi, ecc., ognuno dei quali prevede specifiche abilità traduttive e richiede l’uso di una terminologia tecnica propria. Inoltre, continuano a nascere nuovi termini, mentre altri diventano ridondanti e cadono in disuso. Di conseguenza, traduttori e traduttrici devono sempre rimanere al passo coi tempi nel proprio campo di specializzazione. In breve, i tradizionali compiti del traduttore si sono ora trasformati in un lavoro molto più specializzato, professionale e orientato al mercato, che ha bisogno di schemi lavorativi ben strutturati per portare a termine con successo i progetti entro i termini di consegna concordati.

Le memorie di traduzione vengono in soccorso!
In questo scenario, le memorie di traduzione sono un importante database che arriva in soccorso del traduttore. Il database contiene parole e segmenti di frasi, periodi e paragrafi precedentemente tradotti. La memoria di traduzione entra in gioco quando a un traduttore viene assegnato un progetto in cui parole, frasi o periodi sono simili a quelli di un altro testo già tradotto. Nel caso ci fossero delle corrispondenze, il manager di memorie di traduzione (il programma che utilizza il database della memoria di traduzione) notifica immediatamente l’utente e mostra il testo pertinente in ordine di somiglianza. Questo processo non solo aiuta il traduttore a risparmiare tempo, soldi e impegno, ma assicura anche un buon livello di coerenza del testo tradotto. Sempre parlando di coerenza, spesso accade che un grosso progetto venga diviso fra vari traduttori dal project manager, così da velocizzare il lavoro.  In questo caso, utilizzare una memoria di traduzione permette di dare uniformità al testo, nonostante ci lavorino diversi traduttori.  La maggior parte delle memorie di traduzione sono programmate per non accettare lavori incompleti, pertanto impediscono anche che il documento venga solo parzialmente tradotto. Un efficace uso delle memorie di traduzione consente ai professionisti di offrire servizi di traduzione puntuali, efficienti, precisi e uniformi, garantendo la massima soddisfazione del cliente.

Un avvertimento!
Nonostante tutto, bisogna ricordarsi che alla fine una macchina è pur sempre una macchina, quindi dà i risultati migliori solo quando utilizzata correttamente e per le giuste funzioni. Per esempio, se una multinazionale utilizzasse una memoria di traduzione con un database derivato da un progetto di localizzazione nel Medio Oriente per svolgere un progetto simile negli Stati Uniti, la traduzione smetterebbe di essere culturalmente e socialmente appropriata, vanificando tutti gli sforzi.  Perciò, l’obbiettivo e il contesto di una traduzione vanno sempre tenuti a mente.  Un ultimo avvertimento riguardo le memorie di traduzione: la loro funzione è solo di immagazzinamento e riutilizzo; non forniscono nessuno strumento di controllo che verifichi se la traduzione sia corretta o meno. Di conseguenza, se non si sta attenti, si rischia che un vecchio errore di traduzione non solo rimanga tale, ma che si ripeta in continuazione!

Fonte: Articolo scritto da Sitara Sankar e pubblicato su Language Realm

Traduzione a cura di:
Ilaria Pisanu
Traduttrice EN, ES > IT
Carbonia (SU)