La tecnologia sostituirà i traduttori? (2)

 Categoria: Strumenti di traduzione

Da circa un anno infatti è stata rilasciata un’applicazione per Android chiamata Google Conversation Mode. Al momento del rilascio erano disponibili solo tre lingue (inglese, spagnolo e tedesco) ma la promessa di poter comunicare senza sforzi deve aver allettato molti uomini di affari sempre in viaggio per lavoro e gli svogliati che di imparare una lingua straniera non volevano saperne. L’utilizzo dell’applicazione è facile ed intuitivo: tu parli e lui ripete nella lingua del tuo interlocutore. Così si viene ad avere una conversazione uomo-macchina-uomo che sconcerterebbe chiunque. Potrà anche essere un’applicazione che può aiutarti in casi di estrema necessità come ad esempio malaugurati casi in cui qualcuno finisce in ospedale e non sa proprio come farsi capire però io ritengo che non tutto possa basarsi su algoritmi, statistiche e voci metalliche.

Tradurre non è un atto meccanico in cui si legge parola per parola e la si traduce, nel tradurre si mette cuore, passione e anche un pizzico di empatia. Il traduttore non legge semplicemente un testo e lo rende appetibile per il pubblico che dovrà leggere un libro o un articolo nella lingua di arrivo, il traduttore deve pensare quasi le medesime cose che l’autore di un testo (di qualsiasi natura esso sia) voleva comunicare. Perché tradurre non è un processo sterile e automatico e non sempre le idee possono passare da lingua a lingua senza subire delle, seppur minime, modifiche. Non si può tradurre alla lettera, altrimenti il testo non avrebbe senso, e nemmeno ci si può discostare troppo dai termini di partenza. Il traduttore quindi opera un atto di mediazione, scende a compromessi con le lingue, cerca di rendere la sua traduzione quanto più aderente al testo di partenza. Questo non è di certo un lavoro che una macchina può compiere, come può un computer sapere come tradurre un’espressione di slang come l’americano “It’s raining cats and dogs”? Se si fa un tentativo su Google Translate il risultato è “Piove cani e gatti”, la traduzione corretta invece è “Piove tantissimo”.

È difficile creare un programma che basi le sue traduzioni anche su espressioni idiomatiche, perifrasi e slang ed è più gratificante a livello umano avere rapporti con persone invece che con macchine, quindi è per questo che nel futuro della traduzione vedo l’uomo al centro, un po’ come un nuovo Umanesimo delle lingue.

Autore dell’articolo:
Lorena Bellano
Traduttrice EN>IT
Bologna