L’evoluzione dei (miei) CAT tool

 Categoria: Strumenti di traduzione

Se non si è un fornitore di servizi linguistici, probabilmente non si è mai sentito parlare di CAT tool, un acronimo che sta per Computer-Assisted Translation, la traduzione assistita dal computer. Scrivo questo articolo per condividere la mia esperienza con questo tipo di programmi e magari anche per aiutare chiunque sia nuovo in questo settore a sceglierne uno.

Non appena si fanno i primi passi nel settore della traduzione si sente parlare di CAT tool e, in qualche modo, si percepisce il bisogno di averne uno perché la sensazione generale è che il settore stesso lo impone. Ti viene sempre chiesto qual è il CAT tool che usi e i clienti si aspettano che ne menzioni almeno uno di quelli disponibili sul mercato. È per questo motivo che, mentre ero ancora uno studente, iniziai a cercare il mio primo CAT tool: sentivo il bisogno di provarne uno per vedere se era davvero necessario per la mia carriera o se era soltanto uno strumento superfluo. La scelta e l’uso dei miei CAT tool sono stati condizionati in primo luogo dal mio sistema operativo, Macintosh, poi dal prezzo del CAT tool stesso e infine dal mio flusso di lavoro (entrate).

Ora che ho svelato i retroscena posso iniziare a parlare dell’”evoluzione” dei miei CAT tool.

Primo Cat Tool
Se si sta per iniziare e si è studenti, è molto probabile che si scarichino dei programmi gratuiti. È per questo motivo che tutto ebbe inizio con OmegaT, un programma open source gratuito. Lo scaricai e fui contento, finalmente avevo installato un CAT tool. Lo usavo per fare i compiti di traduzione (e mi sono subito sentito come un traduttore professionista). OmegaT è un CAT tool perfetto per iniziare a capire il funzionamento di questi programmi. Ricordo che avevo creato una banca dati terminologica, che usavo spesso e volentieri, e che non mi era chiaro come gestire le mie memorie di traduzione. Più tardi mi sentii molto confuso anche a causa di tutti i plug-in che potevo installare. Se scegliete di provare OmegaT, vi consiglio di essere pronti a scaricare, installare e aggiornare molto spesso. Si tratta comunque di un programma gratuito, ottimo per rompere il ghiaccio!

Seconda parte di questo articolo >

Autore dell’articolo:
Enrico Antonio Mion
Traduttore EN/FR > IT
Specializzazione: ciclismo, e-commerce
Marseille (Francia)