6 motivi per iniziare a usare un CAT tool!

 Categoria: Strumenti di traduzione

Non tutti i traduttori sono abituati a utilizzare i CAT Tools, nonostante alcuni software come Trados SDL siano sul mercato da più di 25 anni!
Questi programmi presentano alcuni indubbi vantaggi: non solo aiutano a realizzare traduzioni di alta qualità, ma consentono anche a traduttori e clienti di risparmiare una notevole quantità di tempo (e di denaro!).
Ecco alcuni motivi per cui questi programmi possono essere di grande aiuto nei progetti di traduzione:

1 – Memorie di Traduzione (TM)
Per chi ha eseguito (o acquistato) in passato la traduzione di un progetto simile (che siano 200 o 20.000 parole), le TM sono in grado di conservare tutte le passate traduzioni. In questo modo, quando viene creato un progetto, è possibile importare specifiche memorie di traduzione che mostreranno eventuali corrispondenze riutilizzabili (approssimate, dette “fuzzy matches“, o piene), oltre a tutte le preesistenti parole ripetute all’interno del nuovo contenuto. Di conseguenza, non sarà necessario impiegare tempo, denaro, e sforzo nella traduzione di frasi o termini già tradotti in passato.

2 – Preferenze terminologiche
Sia nel caso in cui sia stato creato in passato un database terminologico (“term base“) o che venga fornito un glossario di specifici termini approvati, i CAT Tools consentono di importare queste parole nel progetto. I traduttori possono così cercare termini particolari nel term base o aggiungere traduzioni di termini “chiave” che ritengono potranno essere utili in futuro. Queste traduzioni, inoltre, appaiono a video quando si presentano nel testo sorgente, il che conduce al punto successivo…

3 – Coerenza
I CAT Tools riconoscono e mettono in evidenza le “ripetizioni” (all’interno dello stesso file) e i “fuzzy matches”, garantendo coerenza all’intero testo. Il traduttore ha la possibilità di cercare i termini nel testo sorgente e di conseguenza verificare come siano stati tradotti dall’inizio alla fine, in modo che diverse traduzioni dello stesso termine non costituiscano mai un problema, il che rappresenta un enorme risparmio di tempo oltre che un grande aiuto!

4 – Garanzia di qualità
La maggior parte dei CAT Tools consente ai traduttori di eseguire un semplice controllo ortografico prima di completare il lavoro. È disponibile, inoltre, un’analisi di qualità (“QA analysis“), per mettere in evidenza eventuali incongruenze di tag, numeri mancanti o non corrispondenti, e segmenti non tradotti, insieme a molte altre funzioni che possono essere utili al fine di ottenere un prodotto di alta qualità.

5 – Layout
Un’altra caratteristica utile di tutti i CAT Tools è la possibilità di esportare il lavoro completato nello stesso formato del testo sorgente. Il file potrebbe risultare leggermente modificato, dal momento che alcune lingue utilizzano più parole rispetto ad altre, richiedendo perciò maggiore spazio, ma è comunque molto più comodo rispetto a dover ricreare l’intero formato del documento. Questo, quindi, garantisce che il progetto venga consegnato nello stesso formato del testo sorgente.

6 – Salvataggio nel cloud
Molti CAT Tools sono passati a un sistema di memoria traduttiva basato su piattaforma cloud, come Memsource, SDL, Wordbee e MemoQ. Il loro ambiente di traduzione si trova nella “nuvola”. Questo consente non solo di condividere in tempo reale tutto il contenuto elaborato, ma anche di salvare automaticamente nel cloud e nella memoria traduttiva del progetto ogni segmento confermato. Quindi, ad esempio, qualora il traduttore avesse problemi di connessione a internet, il cloud gli consentirebbe di accedere facilmente al lavoro precedentemente tradotto da ogni computer, semplicemente accedendo al sito web del CAT Tool.

Fonte:  Articolo pubblicato il 20 giugno 2016 sul Blog di Trusted Translations

Traduzione a cura di:
Cristiano Bacchieri
Traduttore freelance EN, FR > IT
Parma