Traduzione e seminari statunitensi (2)

 Categoria: Servizi di traduzione

< Prima parte di questo articolo

Un saggio di Jonas Zdanys, uno dei partecipanti al seminario di traduzione di Yale sostiene l’idea che la scrittura creativa non si possa insegnare e che dunque il talento creativo sia innato, opponendosi in tal modo all’opinione tradizionale secondo cui è possibile insegnare traduzione all’università. Per Zdanys la traduzione è un’attività soggettiva che egli include nell’ambito dell’interpretazione letteraria. Afferma che lo studio della letteratura può portare a una comprensione qualitativamente “più alta”. E qui di nuovo la necessità e l’importanza del sostrato culturale della cultura di partenza e di arrivo che di fatto però non determina l’univocità dell’opera di traduzione.

I seminaristi hanno dimostrato nel tempo che il linguaggio, invece di stabilire un insieme di regole che assoggettassero il testo ad un’interpretazione limitata e unica,  determinassero una “visione completa”, in cui le traduzioni reali tendessero ad aprire nuovi modi di vedere e sovvertissero modi di vedere preordinati. Nonostante l’addestramento e la formazione all’uso delle metodologie giuste, la ricerca ha dimostrato che, dando a due traduttori di un seminario lo stesso testo, si ottengono due traduzioni diverse. I risultati quindi sono testi sempre nuovi che sono dissimili dall’originale e da altre traduzioni.

Se il seminario di traduzione americano ha dimostrato qualcosa, è che il testo tradotto sembra avere una vita propria e non risponde all’insieme di regole utilizzate da chi lo interpreta ma a leggi che sono peculiari al metodo di traduzione utilizzato. Da questa concezione dinamica delle idee, anche il “significato” di un’opera d’arte non può mai essere fisso, perché varia al variare del linguaggio. La gamma di associazioni di parole all’interno di un’opera d’arte più antica varia con il reinserimento di quest’ultima in un’epoca o in una cultura diversa. Anche il linguaggio quindi sembra avere una vita propria, un potere di adattamento, cambiamento e sopravvivenza che va al di là delle teorie che tentano di spiegare e di coglierne la complessità.

In conclusione, la traduzione oggi attraversa un momento di grande sviluppo e di successo grazie all’aumentata necessità di comunicazione tra le varie culture.
La comunicazione interculturale è un’esigenza primaria del mondo contemporaneo e la traduzione costituisce lo strumento essenziale perché possa avvenire nelle mutate condizioni socio-culturali. Da ciò deriva lo stretto rapporto tra cultura e traduzione espressa dalle teorie traduttive contemporanee.