La traduzione specialistica

 Categoria: Servizi di traduzione

La traduzione specialistica è un ramo della traduzione che può riguardare un settore specifico di carattere tecnico, scientifico, giuridico o economico. Da un punto di vista commerciale questo tipo di traduzione costituisce la parte più consistente dell’attività traduttiva, come afferma Gamero Pérez (2001), sebbene non raggiunga la stessa popolarità della traduzione letteraria (pensiamo ad esempio alla traduzione di un romanzo di successo). Attualmente la traduzione specialistica è più presente che mai nella vita di tutti i giorni: dagli articoli di giornale ai libri di testo, dalle istruzioni per l’uso degli elettrodomestici ai foglietti illustrativi dei medicinali, dai software a Internet. In genere si può dunque sostenere che i testi da tradurre in quest’ambito hanno finalità pratiche ben definite: infatti possono avere varie funzioni quali spiegare il funzionamento di un elettrodomestico, illustrare il funzionamento di un attrezzo, esplicitare una teoria scientifica o una procedura di laboratorio, oppure come nel mio caso analizzare l’inquinamento delle acque tramite definizioni, tabelle e classificazioni.

Se riflettiamo sulle rigide distinzioni che avevano caratterizzato anticamente il dibattito sulla traduzione – si pensi alla bellezza della traduzione, alla fedeltà (Salmon, 2003) – i progressi nel campo della traduttologia e i vari studi ad essa collegati hanno introdotto concetti più dinamici per definire e valutare una (buona) traduzione. Considerando la definizione contenuta nella nuova norma CEN o Comitato Europeo di Normazione (www.cen.eu/) 15038 (2006), tradurre significa “trasportare i contenutiti della lingua A nella lingua B”. Si tratta di una denominazione che racchiude in sé tutta la complessità del processo di traduzione e adattamento. In generale si può affermare che una traduzione dovrebbe avere il compito di fornire al lettore e al destinatario le stesse informazioni (grosso modo) dell’originale, “provocandone le stesse reazioni” ed evocando richiami analoghi a quelli del pubblico originario. Mentre nella traduzione letteraria lo stile, l’ordine, le rime e i vari elementi godono di grande importanza con l’obiettivo di “ottenere un’equivalenza stilistica, semantica, pragmatica” (Fernández e Arjonilla, 1998: 44) in un testo di tipo specialistico è essenziale trasmettere un messaggio rispetto alla forma in cui tale messaggio viene espresso; infatti, lo scopo principale della traduzione specialistica è pertanto la riproduzione del contenuto del testo della lingua di partenza nella lingua di arrivo (definita anche equivalenza pragmatica), avvicinando, qualora necessario, il destinatario al testo e non viceversa, come avviene nella traduzione letteraria (quindi nel nostro caso è importante che gli esperti del settore o gli studenti capiscano da un punto di vista pratico quali sono le tecniche per depurare e riciclare l’acqua inquinata).

Quindi, per semplificare, il traduttore di un romanzo non può semplificare il testo della traduzione per renderla più accessibile ai lettori né correggere eventuali scelte stilistiche magari non perfette, perché l’autore ha scelto deliberatamente di “sconvolgere” l’ordine linguistico. In tal senso, l’autorevolezza del mittente e la forma del messaggio prevalgono sul destinatario (ricevente) del messaggio. Il traduttore che invece si trova a tradurre un articolo scientifico ha il dovere di intervenire e delucidare il testo se non fosse chiaro o, peggio ancora, contenesse errori: in questo caso, il messaggio e il destinatario hanno un peso maggiore rispetto al mittente del messaggio, cioè l’autore.