About Videogame Localisation (6)

 Categoria: Servizi di traduzione

< Quinta parte di questo articolo

The Journey Down: Chapter One, invece, propone una panoramica anche piuttosto articolata di termini tecnici riferiti al campo semantico della meccanica. Nell’esempio di seguito proposto, Kito si rivolge a Bwana stilando un elenco di alcune parti mancanti che suo fratello sarà costretto a ritrovare se vuole che il suo aereo possa tornare a volare:

Kito: For starters we’re missing both engines. /Also both the yoke and one of the propellers is missing!

di seguito la traduzione italiana

Kito: Per cominciare ci servono un paio di motori. /E ci mancano un’elica e qualcosa con cui pilotare l’aereo.

Entrambi i livelli di Chroust, se analizzati in correlazione con le Infrastrutture Tecnologiche, risultano utili ai fini di una traduzione dedicata specificamente al linguaggio macchina: se il linguaggio di programmazione non è tradotto in modo appropriato, ci sono buone probabilità che l’intero lavoro rimanga plasticamente invisibile.

Un interessantissimo punto di intersezione tra il livello grammaticale e quello delle infrastrutture è rappresentato da tutte quelle frasi più o meno generiche in cui compaiano dei pronomi non marcati dal genere (tipici della lingua inglese), come it, this, that, etc. I problemi generati da questa intersezione saltano subito all’occhio prendendo in analisi una frase come la seguente:

Bwana: I’d like to hold on to it a little longer!

E’ di fondamentale importanza, attraverso la ricostruzione dei path, comprendere a cosa si riferisca il pronome it; non ci si può permettere di tradurre l’espressione come, ad esempio, Lo terrò ancora con me!, dal momento che l’oggetto a cui ci si riferisce potrebbe essere di genere femminile. Le soluzioni sono due: nel primo caso, ci si renderà conto che la frase viene pronunciata dal protagonista in più situazioni e ci sarà bisogno di una traduzione impersonale, che non coinvolga pronomi marcati dal genere. È proprio questo il caso della frase presa in esame, che è stata tradotta come Può stare ancora un po’ nelle mie tasche!; nel secondo caso, la ricerca dei path sarà utile per ricostruire l’unica situazione in cui quella data frase sia stata pronunciata, comprendendo se l’oggetto a cui ci si riferisce sia di genere maschile o femminile.

Per quanto concerne il livello grafico e iconico, è sufficiente sapere che spesso il processo di traduzione può essere accompagnato da modifiche grafiche all’interno di particolari situazioni di gioco, specialmente quelle in cui è possibile che immagini o simboli risultino poco chiari o poco interpretabili nella lingua di arrivo. Ne sia esempio l’episodio di The Marionette in cui Martin si imbatte in uno dei giochi «carta e matita» più comuni, ovvero il cosiddetto «gioco dell’impiccato»: Martin dovrà indovinare le parole nascoste prima che il diagramma dell’impiccato venga completato; la versione inglese del gioco propone un fermo immagine in cui, una volta risolto l’enigma, compare chiaramente l’espressione

THE MANNEQUIN IS KEY

che nella versione italiana è stata tradotta come

GIOCA IL MANICHINO

Settima parte di questo articolo >

Autrice dell’articolo:
Claudia Mucavero
Titolo/Qualifica: Transcreator
Taranto