Ostacoli della traduzione medica

 Categoria: Problematiche della traduzione

Per un traduttore che intraprende il viaggio della traduzione medica, vi sono alcuni ostacoli da considerare nella produzione di un buon lavoro finale. Come con ogni tipologia di traduzione, sono necessarie ricerche accurate e conoscenza personale, che possono facilmente essere approfondite attraverso la consultazione di siti internet affidabili e riviste mediche. Ciononostante, esistono problematiche intrinseche alla traduzione medica e comprenderle può rivelarsi cruciale per il paziente e può permettere di conseguire risultati soddisfacenti e di alta qualità.

Pubblico target
La terminologia medica presenta sfide che si differenziano da altri domini di traduzione specialistici. Prima di tutto, è importante che il traduttore medico determini con precisione il suo destinatario. Ad esempio, il termine “Varicella” non dovrebbe essere tradotto in inglese come “Varicella” se il pubblico target è costituito da inesperti (ad esempio un paziente). Il termine corretto, in inglese, sarebbe “Chickenpox”. Se si traduce verso l’inglese, è di fondamentale importanza sapere se il pubblico di riferimento adotti la terminologia medica britannica o statunitense. A volte è solo una questione di variante ortografica (ad es. “hematoma” negli Stati Uniti contro “haematoma” nel Regno Unito); in altri casi, invece, il significato di uno stesso termine cambia completamente da inglese statunitense a inglese britannico. Ad esempio, il termine “surgery” che negli Stati Uniti indica il luogo in cui si subisce un’operazione chirurgica, in inglese britannico indica invece lo studio medico, e anche i relativi orari di apertura.

Nomi di farmaci ed eufemismi
Meritano particolare attenzione i nomi dei farmaci, e bisogna tracciare una distinzione tra questi ultimi e la cosiddetta Denominazione Comune Internazionale (DCI). La DCI rappresenta un nome comune assegnato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a una sostanza farmaceutica, e si differenzia dal nome del farmaco. Per esempio, quando si traduce il termine inglese “Tylenol” in italiano, la conoscenza della DCI aiuterebbe il destinatario finale a identificare il farmaco equivalente utilizzato in Italia. “Tylenol”, infatti, è il nome commerciale dell’equivalente inglese “Paracetamol” secondo la DCI, e avere questa informazione aiuterebbe il traduttore medico a rendere correttamente il termine inglese “Tylenol” nell’italiano “Tachipirina”.
Infine, anche gli eufemismi sono comuni nella traduzione medica. Ad esempio, spesso i medici utilizzano eufemismi per riferirsi a situazioni delicate o spiacevoli, come “decedere” o “condizioni critiche” in riferimento a un paziente che sta per morire e non ha possibilità di guarigione.
È fondamentale che il traduttore medico sia in grado di cogliere le sfumature al fine di ottenere una traduzione fedele e accurata.

Tradurre le apparecchiature mediche
Una delle maggiori sfide nella traduzione di contenuti specifici relativi ad apparecchiature mediche è fornire materiale adeguato e formazione al traduttore, in modo che possa avere un’approfondita conoscenza dei prodotti su cui si lavora e portare a termine la traduzione in modo fedele e accurato. È importante che sia il cliente che il traduttore investano del tempo nella condivisione di conoscenze legate al prodotto e nel conseguente apprendimento. Potrebbe sembrare una perdita di tempo, specialmente dal punto di vista del cliente, ma vi sono enormi benefici in termini di qualità linguistica se il traduttore comprende bene tutte le complessità di quanto sta traducendo. Approcciarsi fisicamente al prodotto può anche essere estremamente d’aiuto, e un tour della sede dove si trova il cliente potrebbe sicuramente far maturare esperienza nel traduttore e aiutarlo a capire la catena di montaggio e come il prodotto è stato creato di prima mano.

Conclusioni
La traduzione medica presenta ostacoli tipici esclusivamente dell’ambito medico e che bisogna tenere in considerazione per produrre una traduzione accurata, dato che l’accuratezza risulta d’importanza vitale quando si ha a che fare con la vita e la salute delle persone. Ricerche approfondite e conoscenza di base dell’ambito medico sono essenziali nel processo di traduzione per qualsiasi traduttore medico.

Fonte: Articolo di Ilaria Ghelardoni pubblicato il 30 dicembre 2016 su Ulatus

Traduzione a cura di:
Beatrice Gandolfo
Interprete di conferenza e traduttrice,
Milano