L’arte del sottotitolaggio (2)

 Categoria: Problematiche della traduzione

10 SFIDE DA AFRONTARE PER UN TEAM DI TRADUZIONE AUDIOVISIVA

< Prima parte di questo articolo

3-Durata limitata
La traduzione deve apparire sullo schermo per circa la stessa durata dell’effettivo parlato. È qui che entra in gioco uno dei parametri fondamentali del sottotitolaggio: velocità di lettura. Per quanto una traduzione possa essere corretta, diventa inutile se lo spettatore non riesce a leggerla in tempo, non è così?
A seconda della lingua e delle capacità di lettura dello spettatore, questi parametri possono variare. Ciò nonostante, anche questo viene specificato nella guida di stile del cliente.

4-Sintesi creativa
Avendo così tanti vincoli, questo tipo di traduzione rende spesso impossibile tradurre integralmente il testo originale. I traduttori audiovisivi devono quindi stabilire la priorità delle informazioni e capire cosa eliminare e cosa aggiungere per permettere allo spettatore di armonizzare con l’audio il più possibile, senza costringerlo ad affrettarsi nella lettura. Il segreto per una buona riuscita sta nel perfezionare capacità di sintesi creativa che permettano al professionista di trasmettere il messaggio in modo conciso pur restando fedele al modo di parlare, al registro, alle esperienze, alle particolarità di ciascun personaggio, che danno un tocco in più al testo.

5-Traduzione esposta
Gli spettatori saranno costantemente esposti alla lingua d’origine attraverso l’audio. Per questo motivo, saranno sempre consapevoli di stare leggendo una traduzione. Questo tipo di consapevolezza non esiste quando si legge un libro, per esempio. Se consideriamo oltretutto che il pubblico non conosce gli aspetti tecnici di questo tipo di lavoro, comprenderemo il motivo per cui capita spesso di ricevere lamentele sui sottotitoli, a differenza di traduzioni di altro tipo. Per questo motivo, l’”invisibilità” percepita del sottotitolo è l’obiettivo principale di un traduttore audiovisivo.

6-Rispetto della fluidità di lettura
Ciascun rigo del sottotitolo deve trasmettere quanto più significato possibile. Ciò significa che i traduttori devono evitare di dividere articoli o aggettivi dal loro rispettivo nome, o lasciare preposizioni isolate in un rigo separato, ecc. Ancora una volta, lo scopo sarà di rendere naturale la lettura del sottotitolo e rendere la traduzione impercettibile.

Terza parte di questo articolo >

Fonte: Articolo scritto da Bruno Rotondo e pubblicato sul blog dell’agenzia Go Global

Traduzione a cura di:
Sindoni Mariacristina
Dott.ssa in “Teoria e Tecniche della Mediazione Linguistica”
Provincia di Roma