La manipolazione delle traduzioni

 Categoria: Operatori nel settore traduzioni

Le isole Canarie, vista la loro vicinanza alle coste africane, sono meta di tanti viaggi della speranza. I centri di accoglienza sono da anni organizzati per gestire il problema e gli immigrati irregolari vengono ospitati in strutture moderne ed efficienti in attesa del rimpatrio. Nei centri lavorano anche diversi interpreti che permettono alle forze dell’ordine e ai servizi sociali di comunicare con gli immigrati.
Recentemente, la polizia nazionale ha scoperto che due interpreti hanno manipolato migliaia di risposte per ottenere un tornaconto economico. Attuare il loro progetto criminoso non è stato difficile, vista l’assoluta ignoranza da parte delle forze dell’ordine delle lingue wolof (parlata in Senegal) e bambara (parlata in Mali), nonché dell’ignoranza da parte degli immigrati di qualsiasi altra lingua diversa dalla propria.

Gli interpreti si facevano pagare per fornire alle forze dell’ordine false indicazioni circa la provenienza degli immigrati, che avrebbero evitato loro il rimpatrio. Per gli immigrati di alcuni paesi africani, è infatti previsto il rimpatrio immediato, mentre per altri, come la Costa d’Avorio, è prevista una procedura diversa. Spesso il pagamento avveniva ancor prima che gli immigrati lasciassero le coste africane.
Inoltre, siccome la loro professione li metteva in condizione di accedere a dati riservati, non si limitavano alla manipolazione delle traduzioni; avevano sviluppato una rete di contatti con le mafie di trafficanti africani, ai quali, in cambio di denaro, fornivano indicazioni precise circa i momenti e i luoghi più propizi per tentare la traversata.
Fortunatamente si tratta di episodi più che isolati. Purtroppo, anche nel nostro settore, c’è inevitabilmente qualche mela marcia.