L’interprete e il traduttore presso il Tribunale

 Categoria: Operatori nel settore traduzioni

Anche se l’imputato, colui che accusa o i testimoni non parlano la lingua tedesca, hanno comunque il diritto di comprendere i contenuti del dibattimento. Gli interpreti giurati hanno la funzione di agevolare la comunicazione in Tribunale.

Qualche volta la situazione può diventare piuttosto complicata: „Signor Presidente, ho l’impressione che l’imputato non capisca che cosa gli sto dicendo“. Davanti all’interprete sedeva un uomo proveniente dall’Africa. Dato che il suo paese in passato era stato una colonia francese, il Tribunale dava per scontato che lo stesso parlasse la lingua francese, quindi era stata incaricata una interprete di tale lingua. Risultava però che l’imputato comprendeva la lingua coloniale solo in modo molto limitato.

Si doveva quindi trovare una interprete che conoscesse il dialetto africano dell’imputato.E così il dibattimento proseguiva con un certo ritardo.

Casi difficili come questo si verificano comunque raramente. Normalmente la nazionalità dell’imputato si riconosce dall’atto d’accusa oppure,consultando il verbale di interrogatorio, si può evincere in quale lingua era stato sentito dalla Polizia.

In base a ciò vengono scelti gli interpreti. Normalmente questo sistema funziona molto bene. Per la ricerca di adeguati interpreti e traduttori la Landesjustizverwaltungen (N.d.Amministrazione federale della giustizia) dispone di una banca dati ove sono inseriti gli interpreti e i traduttori giurati e abilitati in tutte le lingue possibili. Solo nel caso di lingue molto inusuali come il mongolo o particolari dialetti arabi, sono rari gli interpreti qualificati.

Nei tribunali dovrebbero comparire solo interpreti e traduttori che hanno ottenuto la qualifica corrispondente. Un buon presupposto per svolgere l’attività di interprete e traduttore in tribunale e/o in ambito giuridico è avere svolto una formazione generale come interprete e traduttore attraverso uno studio universitario pluriennale, preferibilmente orientato in materia giuridica. In alternativa possono ricoprire bene questo ruolo anche coloro che hanno una formazione universitaria giuridica o che hanno svolto altri studi e che magari hanno già esercitato una professione in ambito legale. Questi possono svolgere una formazione come interpreti o traduttori e sostenere il corrispondente esame di stato.

Fonte: Articolo scritto da Sabine Olschner e pubblicato il 2 maggio 2018 su Legal Tribune Online

Traduzione a cura di:
Federica Boggio
Avvocato
Gerzen (Germania)