Colpiti dall’aria in Italia

 Categoria: Operatori nel settore traduzioni

Molti italiani, a quanto pare, sono soggetti a una gamma particolarmente vasta di malattie invernali, aiutati, apparentemente, da una profonda conoscenza dell’anatomia umana. Vivere da più di un decennio in questo paese mi ha portato a una conclusione scioccante. Essere italiano fa male alla salute. Mentre l’inverno si avvicina, la gente intorno a me soffre di una gamma di malanni spiccatamente italiani, che fa sembrare i limitati raffreddori e influenze di noi inglesi insipidi come il nostro cibo. Mentre pedalo per le strade medievali della mia città adottiva, Bologna, sorrido a me stesso, meravigliandomi del fatto che indosso ancora una giacca leggera in questa parte dell’anno.

Nessuna traduzione disponibile
Le mie controparti italiane sono meno fortunate. Hanno tirato fuori le sciarpe di lana e I cappotti imbottiti e si strofinano il collo lamentandosi della malattia italiana del mistero che preferisco, “la cervicale”. “Soffro di cervicale,” mi dicono, facendola suonare una cosa particolarmente seria. Sembra che la maggior parte delle persone sopra i trent’anni soffra di questa condizione, ma io ancora non ho idea di cosa sia esattamente e di come tradurla. L’ho cercata nel dizionario e ho trovato “cervicale” – un aggettivo che si riferisce alle vertebre cervicali, quelle piccola ossa dentro la parte posteriore del collo – ma in quanto malattia, semplicemente non c’è una traduzione in inglese. Noi non l’abbiamo! Pare inoltre che gli inglesi non abbiano quel tipo di conoscenza eccezionale della propria anatomia che gli italiani possiedono.

Benefici dell’ignoranza
Subito dopo essermi trasferito qui, ricordo che  un amico mi raccontò di non sentirsi molto bene. “Mi fa male il fegato” mi disse. In seguito diversi dottori mi assicurarono che nessuno può sentire il proprio fegato, ma ciò che mi colpì veramente  fu il fatto che sapesse dove stesse il fegato. Noi inglesi, al contrario, siamo una nazione incredibilmente ignorante sulla nostra anatomia. Gli italiani possono pure dirti se hanno dolore allo stomaco o all’intestino – e possono persino specificare se è una colica o una colite – ma per noi è tutto solo “mal di pancia”.E benché dovrei essere imbarazzato dalla mia inabilità a indicare il punto esatto dove ho la cistifellea, non lo sono. Perché? Perché credo mi renda più sano.

Seconda parte di questo articolo >

Fonte: Articolo scritto da Danny Miltzman e pubblicato il 3-12-2011 sul Magazine Online della BBC

Traduzione a cura di:
Giusy De Nicolo
Dottoressa Magistrale in Lettere, insegnante e scrittrice
Alton  (UK)