Perché imparare l’italiano in Francia ?

 Categoria: Le lingue

Ciascuno di noi ha un buon motivo per cominciare ad imparare l’italiano: un soggiorno linguistico, un week end a Roma, dei parenti veronesi, o semplicemente per aggiungere una lingua supplementare al Curriculum.
Io per esempio, essendo una musicista, inizialmente ho voluto imparare questa bellissima lingua per poter comprendere i testi delle canzoni che più mi piacevano, come quelli scritti da grandi cantautori : De Andrè, Dalla, Battisti, Celentano e tanti altri.

Attualmente in Francia, l’Italiano è la quarta lingua straniera studiata dalle scuole medie dopo l’inglese, lo spagnolo e il tedesco. Purtroppo, pochi sono gli istituti scolastici a proporre l’italiano; molte persone scelgono di studiare questa lingua fuori dal percorso scolastico, o per passione oppure per rintracciare le proprie origini. Per questo motivo, è un po’ più raro incontrare un francese che sappia comunicare in italiano a livello professionale. Conoscendo lo stretto legame tra la Francia e l’Italia e i loro numerosi rapporti commerciali e culturali, l’apprendimento di questa lingua è fondamentale per le imprese francesi che collaborano con aziende italiane. Avendo collaborato con una grande azienda francese, posso sostenere che la barriera della lingua non è l’unica cosa da prendere in considerazione per lavorare con un’ impresa straniera; è necessario conoscere la cultura dei suoi dipendenti, e soprattutto osservare e rispettare i suoi valori, al fine di instaurare solide e durature relazioni professionali.

A livello turistico, l’Italia è il 4° paese più visitato al mondo. Chi non ha mai sognato di vedere con i suoi occhi il Colosseo, con i suoi 2000 anni di storia, o fare un giro in gondola sui canali della romantica città di Venezia ?  Come sappiamo bene, ogni viaggio è una nuova scusa per imparare qualche parola della lingua del Paese visitato. Un semplice « Buongiorno », « grazie mille » o « arrivederci », anche con la “r” moscia, sarà sempre molto apprezzato dagli italiani e farà dimenticare l’immagine del francese antipatico che purtroppo molti hanno in mente. Oltretutto, comunicare in italiano vi permetterà di conoscere meglio il suo popolo e la sua cultura. Ciò è un valore aggiunto unico, che non si studia sui libri ma si scopre solo passando più tempo possibile nel Paese prescelto.

La cosa che mi piace di più dell’italiano, è che è una lingua molto ricca e che non si finisce mai di imparare. Per quelli come me che si sono appassionati a questo Paese e alla sua cultura, avranno sicuramente cercato d’imparare qualche parola del dialetto del territorio visitato. Conoscere queste peculiarità, potrebbe rivelarsi utile in futuro, visto che in quest’ultimi anni vengono prodotte serie, film e canzoni nelle lingue locali.

Autrice dell’articolo:
Julie Rifaterra
Traduttrice freelance IT > FR e IN > FR
Toulouse (Francia)