Imparare una lingua (2)

 Categoria: Le lingue

< Prima parte di questo articolo

2) Definite un obiettivo finale. Se il vostro obiettivo è quello di imparare qualche frase di sopravvivenza per i vostri viaggi all’estero una volta all’anno allora non sarà affatto complicato raggiungerlo. Ma se il vostro scopo è padroneggiare la lingua al punto di poter tenere un discorso davanti a una platea di parlanti nativi allora avete molta strada da fare e dovrete immergervi completamente in quella lingua, dovrete fare in modo che ogni azione della vostra giornata, o quantomeno del vostro tempo libero, sia finalizzata al raggiungimento del vostro obiettivo.
Dopo una prima fase di studio in cui i libri saranno gli unici amici che avete, dovrete iniziare a espandere il vostro raggio d’azione poiché, per studiare una lingua, i corsi e i libri sono importantissimi ma non sono affatto sufficienti. Oltre al corso, dovrete essere bravi a darvi delle regole che scandiscano la vostra giornata e vi permettano di raggiungere l’obiettivo nel modo più rapido ed efficace possibile. Se accendete la televisione scegliete solo canali stranieri, se siete in treno o sull’autobus ascoltate musica straniera, se volete leggere un libro prima di addormentarvi sceglietene uno nella lingua che state studiando. Se vi va di “cazzeggiare” un po’ al computer, mettete tra i preferiti solo siti stranieri, se vi va di chattare scegliete delle chat straniere. E quando arriva il weekend, fate in modo di frequentare solo persone straniere! I viaggi (che ve lo dico a fare) fateli tutti in terra straniera e senza amici italiani al seguito, altrimenti finireste per parlare tutto il tempo in italiano.

3) Definite un metodo. Non esiste un metodo giusto per tutti, quello che va bene per me magari non va bene per voi e viceversa. Dovrete trovarlo da soli man mano che avanzate. Dovrete capire cosa funziona bene per voi, cosa vi permette di imparare di più e meglio. Io per esempio mi ero dato una regola ferrea: quando mi trovavo davanti a una parola che non conoscevo, non potevo passare alla pagina successiva finché non avevo trovato il significato principale sul dizionario, l’avevo trascritto direttamente sul libro a lapis e su un’apposita rubrica. Con il tempo quella rubrica è diventata una sorta di mini-dizionario, lì dentro c’erano a portata di mano tutte le parole che avevo cercato. Così facendo, effettuavo un triplo esercizio di memorizzazione. Cercavo, leggevo, scrivevo e scrivevo una seconda volta. Il consiglio che posso darvi è proprio quello di far lavorare contemporaneamente tutte le aree della memoria: quella visuale (lettura, scrittura), quella uditiva (ascolto di musica, visione di filmati), quella motoria (espressione orale e esercitazioni scritte) e quella logica. Trovate voi ciò che vi stimola di più e riesce a farvi rimanere in testa parole e concetti.

4) Infine, ultimo consiglio ma non in ordine di importanza: è fondamentale la quantità di tempo che dedicherete allo studio ma anche e soprattutto come spalmerete sulla vostra settimana le ore da dedicargli. Quando parlo di studio non mi riferisco a tutte le attività accessorie cui ho fatto cenno in precedenza (musica, tv, chat, amici, viaggi) ma allo studio “puro e duro” con la testa piegata sul classico libro di grammatica. Ecco, per questa attività è infinitamente meglio un’ora al giorno tutti i giorni anziché 7 ore di fila una volta alla settimana. Studiare poco alla volta tutti i giorni permette di memorizzare e assimilare meglio, concentrare tutto in un giorno è del tutto improduttivo. Le cose che ci sembra di aver imparato sul momento, nel giro di qualche giorno già non faranno più parte del nostro bagaglio, avremo solo perso tempo.

Autore dell’articolo:
Guido Pasqualetti
Traduttore EN-ES-FR>IT
Webmaster Easy Languages