Post-editing: opportunità o minaccia? (3)

 Categoria: Attività legate alla traduzione

< Seconda parte di questo articolo

Lo stato dell’arte
Come già anticipato, questo enorme passo in avanti sul fronte della qualità ha reso infine possibile l’adozione della traduzione automatica nel campo dei servizi linguistici propriamente detti. A parità di costo, infatti, il MTPE consente di tradurre volumi di contenuti molto più grandi e in molto meno tempo rispetto alla traduzione umana. Esso è divenuto così uno dei modi più efficaci ed economicamente sostenibili per soddisfare l’attuale enorme domanda di traduzione e localizzazione di contenuti: le aziende il cui successo dipende a vario titolo dalla produzione e dalla fruizione di contenuti testuali in diverse lingue hanno un crescente bisogno di un metodo di traduzione rapido e il più possibile economico.

Per poter decidere di volta in volta se un testo è adatto a essere tradotto impiegando il post-editing, tuttavia, occorre analizzarne il contenuto, individuarne lo scopo e il pubblico e comprendere in che modo la traduzione sarà fruita da quest’ultimo, prendendo in considerazione fattori come l’argomento, la qualità richiesta, i volumi, il budget e la disponibilità di un corpus di argomento simile con cui “addestrare” il motore di traduzione.

Con una buona dose di semplificazione potremmo dire che quanto più alto è il livello di creatività della traduzione richiesta, quanto più concettualmente complesso il testo di partenza e quanto più specialistico il linguaggio, tanto meno utile risulterà la traduzione automatica.

Il post-editing può inoltre essere impiegato per tradurre tipi di contenuti per i quali non sono richiesti gli standard di qualità convenzionali previsti per la traduzione umana. È ad esempio possibile ricorrere a questa tecnica per tradurre contenuti a bassa visibilità, di argomento generico e/o caratterizzati da un utilizzo limitato nel tempo, che richiedono una traduzione appena comprensibile e priva di errori gravi.

Quarta parte di questo articolo >

Articolo scritto da:
Emanuele Vacca
Traduttore e revisore di documenti legali e finanziari
Inglese > italiano
Roma