La passione per il russo

 Categoria: Attività correlate alla traduzione

La passione per le lingue me l’ha trasmessa mio padre che mi cantava e suonava le canzoni dei Beatles con la chitarra, e mi piaceva ascoltare concetti di amore, di dolore, di solitudine espressi in un’altra lingua,e col tempo anche io ho imparato ad esprimere le mie emozioni utilizzando l’inglese, tuttavia per un caso del destino alle scuole medie fui assegnata alla classe di Francese, ma con mia grande sorpresa, la facilità di ascolto ed espressione fu pari, se non superiore a quella dell’inglese ed i tre anni  di studio che seguirono furono piacevoli e molto proficui sotto il profilo dei voti conseguiti. Di conseguenza anche al Liceo classico fui assegnata ad una sezione di Francese, ma con mio grande dispiacere, gli anni dedicati a questa lingua furono soltanto due, quelli del Ginnasio. All’Università spinta da pressioni familiari e da una cattiva informazione decisi di iscrivermi a Giurisprudenza, dove avrei conseguito comunque la Laurea, ma con pochissima soddisfazione da parte mia.

I due anni di praticantato  legale che seguirono li ricordo come un periodo molto triste, piangevo, non vedevo prospettive davanti a me ! ragion per cui decisi di iscrivermi ad un’altra facoltà per studiare il  Francese e l’Ebraico, una lingua di cui mi ero appassionata qualche anno prima. Tuttavia per ragioni di incompatibilità caratteriale col docente di lingua Francese, dopo un anno decisi di cambiare programma e di inserire la Lingua Russa. In verità avevo preso la guida universitaria ed avevo scelto la prima lingua, che dalla breve presentazione, mi sembrava  di  facile interpretazione. E così fu, fin dal primo momento del mio ingresso nell’aula di Russo. Molte soddisfazioni, voti superlativi sia agli esami scritti, sia a quelli orali e questo vale anche per l’Ebraico di cui ho studiato sia quello Biblico che quello moderno (l’Ivrit).

Quindi subito dopo la laurea, (nel frattempo avevo comunque conseguito l’abilitazione alla professione di avvocato), mi sono iscritta alla Camera di Commercio di Milano, sono stata ammessa al ruolo dei periti ed esperti in Lingua Russa, e poi ho fatto domanda al Tribunale di Milano. Devo dire che già dopo qualche mese mi arrivavano delle richieste di lavoro, tramite telefonate, che poi ho scoperto venivano smistate dal Consolato Russo che mi aveva inserita in un elenco esterno di Traduttori. Certificati e Sentenze di Divorzio, all’inizio, e poi man mano anche atti societari, Procure notarili da asseverare e legalizzare con le apostille dell’Aja. Qualche volta sono stata contattata anche dai notai per fare da interprete durante la stipula di contratti Ati. E poi l’estate scorsa ho ricevuto il mio primo incarico peritale dal Tribunale di Milano, come interprete durante un processo. Inutile dire che la mia gioia e la mia soddisfazione sono state al massimo, anche se sotto il profilo economico non si raggiungono cime, ma dal punto di vista psicologico il godimento  è assicurato.

Autrice dell’articolo:
Giovanna Fringuelli
CTU Tribunale di Milano